La Caritas in veritate e l’interpretazione della complessità

Caritas in veritate
La storia delle idee dell’ultimo secolo racconta le vicende dei numerosi tentativi del pensiero che, ripudiate – per orrore dei loro fallimenti – le tradizionali ideologie politiche, tentano nuove strade. E in esse si rendono conto della rozzezza delle precedenti astrazioni di fronte alla sfida lanciata dal concreto vivente, che chiede di venire compreso e rispettato senza imposizioni. Per comprendere ciò che è semplice – la vita nella sua realtà – si scopre la necessità di un pensiero non semplicistico ma dinamico e – paradossalmente – capace di vedere le relazioni complesse. La recente enciclica Caritas in veritate segna un punto di svolta nell’elaborazione di questo pensiero realmente “comprendente”. L’editoriale cerca di metterne in luce la logica profonda, il paradigma dinamico che emerge nei primi paragrafi dell’enciclica. Ad esso, la stessa enciclica dà concrete applicazioni nella lettura delle relazioni sociali, in particolare attraverso l’idea di fraternità.

 

 

In allegato l’articolo completo.

I più letti della settimana

Dialogando con Tiziana Merletti

Si può imparare a litigare?

Il Cigno nero secondo Luigino Bruni

Simple Share Buttons