La brezza della genialità

Gestire mediocri soldatini è più facile che dirigere imprevisti artisti. Ma che tristezza...
Soldatini

Si può partire da qualunque campo. Dalla ricerca scientifica, se si vuole. Ma temo che, soprattutto in Italia e nell’Europa occidentale, s’arriverebbe alle stesse conclusioni partendo dal campo industriale, politico, letterario, sportivo o da quello delle associazioni sociali e religiose: la desolante mediocrità del management odierno. Le posizioni direttive, quasi ovunque, sono ricoperte da devoti burocrati con rare idee e minima inventiva, incapaci di comunicare l’audacia della visione; perché una visione non sanno neppure cosa sia.

 

Come mai ci troviamo in questa situazione? Il dopoguerra aveva forgiato una generazione di uomini e donne animati da ideali. Non erano certo persone moralmente e caratterialmente migliori degli attuali dirigenti. Ma avevano visione, forza di carattere. Poi, nel giro di pochi anni, forse perché gestire soldatini è più facile che dirigere artisti, non hanno creato una classe dirigente in grado di sostituirli. Hanno invece difeso il proprio potere, premiando la fedeltà a scapito della genialità, creando così dietro di loro il vuoto: un esercito di fedeli sì, ma mediocri.

Che ora sono al comando. Per la tristezza collettiva, anche se molti nemmeno se ne accorgono; anzi sono felici. Ho vissuto diversi anni negli Usa, molti di più in Europa. Non canto le glorie dell’America (ne conosco bene i lati oscuri!), né intendo generalizzare. Ma lì ho visto spesso capi che, se capivano che nel loro gruppo c’era un tipo geniale, investivano su di lei o lui… Poi si sarebbe visto: se erano rose sarebbero fiorite e i vantaggi sarebbero stati di tutti. Qui invece ho visto spesso persone geniali messe da parte perché potevano creare scompiglio, dare fastidio. A loro venivano preferiti i mediocri che garantivano una certa dose di fedeltà. Certo, la genialità è materia difficile. Dai geni sono nate le più sublimi innovazioni e le più pericolose eresie. Ma cosa è la vita senza la brezza della genialità? Si può veramente fare a meno di essa? Tocca riscoprirla, andarla a scovare là dove ancora respira, se vogliamo avere un futuro più luminoso.

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Come essere autentici

Simple Share Buttons