Internazionale o interculturale?

Parlare di interculturalità oggi è abbastanza naturale, ma capirsi su questo termine e soprattutto adottare un atteggiamento adeguato nella vita non è così immediato. L’autore appartiene a una Congregazione maschile presente in quasi 70 nazioni e ha vissuto la maggior parte dei suoi 51 anni di vita consacrata in comunità interculturali. Nel condividere a brevi pennellate la sua esperienza parla da italiano e si esprime soprattutto al maschile, a causa della natura esperienziale di questo contributo. «Non si tratta di imporre e nemmeno di proporre – conclude – un modello culturale da seguire. Il modello comune a tutti è delineato nel Vangelo, a cui tutti siamo chiamati a convertirci ogni giorno». 

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Pordenone apre le porte al mondo

Un’idea di sinistra

Come una sorella per lui

Insegnante

E divenne un ottimo insegnante

Simple Share Buttons