Interezza

Chi non sogna l’interezza, l’innocenza? E chi non soffre la frammentazione, la contraddittorietà, la dispersione, toccato dalle rotture provocate dal male e dal peccato personale e collettivo? Eppure, noi siamo fatti per altro!

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Beato Livatino

Il giudice ragazzino “vive” ancora

Esercizi di… radicamento

Simple Share Buttons