Instancabile Cunningham

D’inesauribile creatività, Merce Cunningham – classe 1919 – ha esplorato da sempre il movimento puro nelle sue infinite possibilità combinatorie nello spazio. Maestro incomparabile dell’astrattismo coreografico, che non “racconta” ma mette in scena la danza come essenza autonoma e cangiante, l’instancabile americano ha fatto tappa al Romaeuropa Festival con la sua prestigiosa Dance Company festeggiata per i cinquant’anni di attività. Tre le coreografie, ognuna rappresentativa di un decennio. A cominciare da Pictures dell’84: una celebrazione dell’equilibrio, non solo rituale, ma spirituale dentro un pulsante ordine universale. Pond Way è uno degli “studi di natura” del ’98 dove Cunningham scorgeva negli stagni forme di ispirazione: “paludi, ninfee, un paradiso per gli uccelli, infiniti strati di diverse attività”. E a degli uccelli acquatici rimandano i danzatori, che si muovono in una dimensione terrestre (sulla musica di Brian Eno e le scene coi tipici modelli a punti di Roy Lichtenstein) dalla quale aspirano a staccarsi per tornare a volare. Bellezza e semplicità di forme sempre nuove ritroviamo ancora in Fluid Canvas (del 2002): un fluido comporsi che nasce dalla casualità apparente di una reazione a catena dei movimenti, quasi un impulso interiore che lega i sedici danzatori. Lasciandoci con un senso di stupore annegati in una musica lontana.

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons