In cerca di pace

67a Settimana Musicale Senese. Siena, varie sedi.
Musica classica

Concentrarsi su un capolavoro estremo come la Missa Solemnis di Beethoven costa, ma vale la pena. I frammenti musicali si concatenano luminosi nelle varie parti, fanno di un mosaico con intuizioni lancinanti – l’assolo del violino nel Benedictus – preghiere affannose – l’insistenza sul “Dona nobis pacem” –, un monumento di ricerca «della pace interiore ed esteriore», come annotava il musicista. Il ricordo di Bach, Handel, Cherubini crea una polifonia grandiosa: Beethoven non è mai piccolo, parla per l’umanità. Più che una liturgia, una riflessione spirituale altissima, da ascoltare ed eseguire quasi tremanti. L’Orchestre des Champs-Elysées diretta da Phlippe Herreveghe ha teso a questo traguardo insieme al buon Coro del Collegium Vocale di Gent e ai solisti, fra cui l’ottimo contralto Gerhild Romberger.

 

Altra tensione invece quella del “monodramma” Anaïs Nin, su testi della stessa Nin, musica dall’olandese Louis Andriessen e dato in prima mondiale. Scabra la scrittura orchestrale, puntata sui fiati; oscillante il canto tra recitazione, inserti video e melodiare della brava Cristina Zavalloni. Cupa la storia psicanalitica di un rapporto al limite del male tra padre e figlia. Non c’è pace, solo tormento. Il nostro tempo, per Andriessen è triste. Durerà per sempre?

Leggi anche

Opera
Trionfo per Traviata

Trionfo per Traviata

di
Arte
Pietà del nostro tempo

Pietà del nostro tempo

di
Musica
Cosa succede in città

Cosa succede in città

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

I miei segreti

Come essere autentici

Altri articoli

Gocce di Vangelo 14 aprile 2021

Il Ramadan in tempo di Covid

Trionfo per Traviata

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Simple Share Buttons