Il vero popolo italiano nel Paese che non c’è

La semplicità della gente o il nichilismo finto di teleromanzi e politicanti?

Se dovessi oggi dare una definizione della nazione italiana ritorcerei al povero e in questo caso ingenuo Manzoni, per il post-Risorgimento, un suo verso pre-Risorgimento: «Un volgo disperso che nome non ha».

È un’evidenza (non lo è solo per chi è accecato da ideologie) che il nostro “Risorgimento”, che andava fatto, è stato fatto nel peggiore dei modi possibili: massonico (=centralistico), anticattolico, antifederale, colonialista (il Sud piemontesizzato e vampirizzato), ecc.

 

Oggi ne godiamo le conseguenze: la cosa pubblica non è di nessuno e quindi moltissimi la saccheggiano, la trascurano, la vandalizzano; la cultura italiana (arte letteratura musica ecc.), per alcuni aspetti la più ricca e fondante, è irrisa, storpiata, rimossa o ignorata; e, sia detto con la massima vergogna, quasi ogni italiano ha l’aria di un turista smarrito e spesso ma-leducato in un accampamento provvisorio di nomadi-stanziali (come dice la sublime ipocrisia inventata per i nomadi veri, che infatti da noi stanzialmente prosperano).

 

Io ho la fortuna di abitare in una periferia che è un paesetto trapiantato in città, e del paese ha mantenuto gli aspetti migliori di semplicità e mo-derazione. Questo mi ha reso più facile lo scoprire qual è il vero popolo, al quale mi onoro di appartenere. Basta girare per le stradine, andare al mercato, odorare l’aria: quasi tutti parlano una parola d’italiano (inflesso maternamente secondo le regioni di provenienza) e una di dialetto, sgram-maticano con grande espressività, ridono o piangono sinceramente, con stile isole dei famosi, dicono «Facci» e «Che vuoi?», passando da un incerto “Lei” al “Tu” e ritorno, hanno un’aria di esseri umani che altrove spesso se non manca è contraffatta o sbandata o sgualcita.

Parlano di destra e di sinistra, quando ne parlano (preferiscono la Roma e la Lazio) sempre con accenti ironici o umoristici, oltre che amari, dimostrandosi così ben superiori a quei quattro “intellettuali”, salvo eccezioni, che dalle riviste à la page e dai quotidiani borghesi-snob pontificano assurdità ideologiche o il nulla sul nulla.

 

Nel mio paese-periferia non ci sono stinchi di santi (qualcuna sì, qualche vecchietta che vedo sempre in chiesa e antepongo a teologi di chiara fama), la gente fa errori e stupidaggini, ma non si sogna di contrabbandarli per genialità, malgrado tutto e malgrado sé stessa non confonde il male con il bene, e perché? perché non è, a differenza di quei quattro “intellettuali”, nichilista. Qui si sente nella voce, nella parolaccia, persino in qualche sciagurata grottesca bestemmia, che la gente non è nichilista, che l’accento viene dal cuore, magari da un cuore modesto e mediocre, ma non finto, non taroccato, non ritoccato da bugie ufficiali e finzioni interiori e carinerie da salotto televisivo, che qui fanno pena e vengono sostituite da magari ignobili, ma apertamente e ingenuamente ignobili, teleromanzi.

 

Il vero popolo è quello che forse tradisce la moglie e si sbronza al bar – qui più che la par condicio interessa la bar condicio –, ma non rinuncia al presepio e ai doni per i “ragazzini”; e se vi si infiltra qualcuno/a con la puzza al naso, lo/la squadra in un istante e lo/la lascia nel suo brodo. Che si spertica in complimenti per farti comprare al suo banco, ma è anche capace di chiederti come stai, a differenza di altre parti dell’Italia scandinavizzata; che affolla i funerali quasi più che i matrimoni, e che in questi ultimi si veste di abiti a volte orrendi (verde pisello, ruggine, rosa fucsia) e posa in foto da farti accapponare la pelle, e spende una fortuna per tremendi pranzi da mille portate e mille convitati; ma cerca nelle persone il rispetto, non la “tolleranza”, e qualcosa che somigli all’amore, non all’indifferenza delle “scelte”.

 

Se ho una speranza “civile”, ce l’ho in questo popolo, che non ha voce in capitolo, che non è fatto né di politicanti arruffoni-arraffoni né di su-percommercianti avidi, né di imboscati nullafacenti magari con poltrone, né di delinquenti in doppiopetto, ma di povera o meno povera gente che ha una sua dignità senza teorizzarla e sbandierarla, che non parla o straparla di diritti per nascondere i doveri, ma li conosce, gli uni e gli altri; che forse rivolge qualche pensiero di troppo al divo o alla diva e si martirizza in tacchi troppo alti, ma sa bene che in fondo si tratta di sciocchezze (evito, anche se non vorrei, il preciso termine in uso); e che la vita è una cosa seria, cara, e anche tragica, e perciò anche lei merita rispetto.

Leggi anche

Piani inclinati
Tempi duri per le cure palliative

Tempi duri per le cure palliative

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Simple Share Buttons