Il sacerdote uomo della riconciliazione e dell’Eucaristia

Il sacerdote è l'uomo che dispensa a nome di Cristo e della Chiesa il dono della riconciliazione e dell'Eucaristia, in quanto egli è l'uomo radicalmente posseduto e trasformato dall'una e dall' altra. Se ciò vale come criterio di autenticità per ogni esistenza cristiana, tanto più deve valere per colui che è chiamato ad essere l'annunciatore e il dispensatore del dono della riconciliazione. Ciò significa che la forma di esistenza, o - se vogliamo - per usare un termine piu comune, la spiritualità del sacerdote, non è altra da quella che sgorga dall'assimilazione sempre più profonda e autentica dell'esistenza pasquale di Cristo riconciliatore, cioè del Cristo crocifisso e risorto. Sintetizzando al massimo, potremmo dire che due sono allora i poli che qualificano spiritualmente l'esistenza sacerdotale: la conformazione a Cristo crocifisso, unico ed eterno sacerdote, e il dispiegamento di una esistenza a carattere radicalmente comunionaIe o trinitario.

Leggi anche

In punta di penna
Hans Küng, l’arte del margine

Hans Küng, l’arte del margine

di
Teologia
Teologia fondamentale/1

Teologia fondamentale/1

Teologia
Teologia fondamentale/4

Teologia fondamentale/4

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons