Il pensiero di Paolo può interessare l’uomo politico?

Paolo non ha fatto politica. Tuttavia le sue lettere contengono affermazioni – il distacco dalle cose del mondo, l’obbedienza all’autorità costituita – che spesso sono state interpretate come se suggerissero un atteggiamento di estraneità alla vita politica e di passività nei confronti dell’autorità. L’Autore riesamina i testi paolini inserendoli nel contesto culturale dell’epoca per evitare di proiettare le nostre concezioni su quel mondo. Ne emerge come, per Paolo, l’attitudine del cristiano dovesse essere aperta all’azione storica condotta, però, sulla base della nuova prospettiva relazionale – l’amore agapico tra persone libere – che Cristo aveva portato: e su questa relazione si basa la nuova concezione della cittadinanza che si incontra in Paolo. La relativizzazione delle realtà umane sottolineata dal cristianesimo paolino, inoltre, non porta al disimpegno, ma alla critica delle istituzioni umane che apre uno spazio di intervento e di libertà.

Leggi anche

In punta di penna
Hans Küng, l’arte del margine

Hans Küng, l’arte del margine

di
Teologia
Teologia fondamentale/1

Teologia fondamentale/1

Teologia
Teologia fondamentale/4

Teologia fondamentale/4

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

I miei segreti

Come essere autentici

Altri articoli

Declino demografico e pandemia

Gocce di Vangelo 14 aprile 2021

Il Ramadan in tempo di Covid

Trionfo per Traviata

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Simple Share Buttons