Il passaggio

Mio figlio ha iniziato a settembre la prima elementare. Questi primi mesi non sono stati semplici per lui. È spesso nervoso e non ci va molto volentieri. Cosa posso fare per aiutarlo ad inserirsi?. Angelica – Parma ¦ Il passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare è sempre un’esperienza molto delicata ed importante per il bambino. Spesso i genitori tendono a caricarla di troppe emozioni e aspettative che portano il figlio a reagire in modi contraddittori. Per comprendere che cosa il bambino sta vivendo, proviamo ad entrare nella sua vita, o meglio nel suo modo di percepire la realtà. Durante la scuola materna, vive un’esperienza di accoglienza e di sintonia col proprio modo di essere. Sperimenta che il tempo, lo spazio, le persone sono al suo servizio, alla sua portata. Con la scuola elementare, la realtà cambia. Non solo i banchi sono più alti e le sedie più grandi, le aule meno vivaci (in alcuni casi), ma dopo una settimana c’è un orario scolastico impegnativo con varie materie e insegnanti. Ed è il bambino che deve adattarsi, trovando in sé gli stimoli e le energie per farlo. Ciascun ragazzino ha il suo modo di reagire di fronte al cambiamento. C’è chi trova subito entusiasmanti le novità; altri stanno un po’ appartati; altri ancora tendono ad essere irrequieti, agitati, ansiosi. Cosa fare? Innanzitutto, considerare che il passaggio è positivo e che gradualmente tutti i bambini riescono ad inserirsi. Per aiutarli, si può sdrammatizzare, abbassare la tensione. Li si può accompagnare col sostegno e l’accoglienza. A questo proposito, mi sembra importante che sia le insegnanti e i genitori conoscano la regola d’oro, che suggerisce di fare al prossimo ciò che si vorrebbe fosse fatto a sé. Ciò significa essenzialmente mettersi nei panni del bambino. E le occasioni per poterlo fare sono molteplici. Una delle più importanti, a mio avviso, riguarda l’entrata in classe e il rientro in famiglia. Quanto sarebbe bello che i genitori non facessero domande da interrogatorio, ma dicessero semplicemente: Sai, ti stavo aspettando; se vuoi mangiare è pronto; forse sei stanco… dopo, se vorrai raccontarmi come è andata a scuola, mi farebbe piacere. In questo modo, egli non si sentirebbe in obbligo, ma atteso con amore. Il bambino, infatti, va considerato come altro da sé, con la propria libertà e dignità. Il genitore può offrirgli l’opportunità di condividere ciò che sta vivendo. E ciò è fondamentale per la crescita di entrambi. acetiezio@iol.it

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Simple Share Buttons