Il luogo di Sophia

L’insediamento dell’Istituto universitario Sophia a Loppiano costituisce una sfida importante. Loppiano non è né città né campagna, è un sussulto di verdi colline inserito in un più ampio territorio urbanizzato. Non è villaggio stanziale né comunità di viaggiatori, è un crogiolo di persone che condividono valori, pratiche quotidiane, speranze. E’ riconoscibile una ricca dotazione di luoghi già potenzialmente didattici, non solo perché adatti a trasformarsi in aule ma perché luoghi che insegnano.Qui si potrebbe sperimentare un modello di università permeabile e aperta, integrata con l’esterno, ispirata a principi policentrici, disponibile all’uso collettivo; un’università integrata nel proprio territorio e nello stesso tempo libera di viaggiare su altre rotte e su altre reti. Per queste ragioni, il saggio riflette intorno a tre questioni.

Primo, la natura contestuale del sapere: il sapere non è mai una realtà astratta e disincarnata, nasce sempre in un contesto; si genera dove le persone condividono ambiti e attività.

Secondo, la conoscenza ha bisogno di edifici che ne accolgano la generazione e sono essi stessi all’origine di trasformazioni nei contesti ospitanti. Infine, se cambia il contenuto pedagogico debbono cambiare anche le forme spaziali.

Leggi anche

Controcorrente. Speciale enciclica "Fratelli tutti"
Fraternità e architettura

Fraternità e architettura

di
Città
CN+ I super-isolati di Barcellona

CN+ I super-isolati di Barcellona

di
Penultima fermata
Il Bosco Spaggiari

Il Bosco Spaggiari

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Come essere autentici

Simple Share Buttons