Il libro dei sussurri

Varujan Vosganian - Keller 
Varujan Vosganian

«Nella mia infanzia i segreti venivano raccontati a bassa voce, sussurrando. Come l’acqua versata in un bicchiere trabocca giù dai bordi, parimenti l’anima si empie, tracima e si sente il bisogno di esprimere il carico che porta dentro. Nella mia infanzia ho ascoltato una miriade di racconti e di canti, una quantità di storie tristi. I miei genitori sono nati in Romania, io appartengo dunque alla seconda generazione di armeni emigrati in questo Paese, i nonni sono giunti qui dalla Turchia (…). Questo libro non narra solo le loro sofferenze, le loro tristezze e i loro sogni, ma tenta di svelare i segreti del XX secolo, che ha portato all’umanità sfide nuove e più complesse, il genocidio, le guerre mondiali, le fosse comuni, i campi di concentramento, i conflitti ideologici». Da questo bisogno di narrare nasce un romanzo di ampio respiro considerato uno dei capolavori della letteratura romena post-comunista, che dalla sua pubblicazione nel 2009 sta raccogliendo il plauso internazionale della critica e del pubblico. Con una prosa poetica di grande fascino, che riecheggia le grandi epopee dell’umanità come l’Iliade e l’Odissea, la vicenda di Varujan e della sua famiglia segue passo passo, con continui salti di tempo e spazio (dall’Armenia alla Turchia, dalla Siberia alla California), l’intera storia del Novecento, il destino umano e in particolare quello del popolo armeno, del suo genocidio e della sua diaspora. Ferite che la bellezza struggente del romanzo sembra lenire.

Leggi anche

Narrativa
Chiara Lubich

Chiara Lubich

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons