Identità cristiana delle imprese caritative

La diminuzione delle vocazioni alla vita religiosa in una Congregazione caritativa può diventare l’occasione per nuove espressioni del carisma e portare, attraverso il pieno coinvolgimento dei laici, a ulteriori e più vasti sviluppi. È il caso delle Cellitine di Santa Maria a Colonia che, con lungimiranza, hanno saputo aprirsi a coraggiose innovazioni anche organizzative e strutturali1. L’autore di questo racconto è diacono permanente e si occupa, nell’ambito della Fondazione delle Cellitine, dello sviluppo di una cultura aziendale cristiana.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Beato Livatino

Il giudice ragazzino “vive” ancora

Esercizi di… radicamento

Simple Share Buttons