Idai fa un migliaio di morti

L'uragano che ha colpito venerdì le coste del Paese africano, così come dello Zimbabwe, ha causato vittime e notevoli danni. La necessaria solidarietà internazionale

Beira, seconda città del Mozambico, e i suoi dintorni sono stati «danneggiati o distrutti al 90% dal ciclone Idai», ha comunicato lunedì la Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (Ifrc). Secondo diverse testimonianze e immagini pubblicate sui social network, le strade della città sono disseminate di alberi sradicati, schegge di vetro e lastre di ferro. Forti venti, associati a piogge torrenziali, hanno colpito la costa prima di continuare la loro folle corsa verso lo Zimbabwe. Per il momento, stando alle fonti ufficiali ancora estremamente parziali, hanno fatto 173 morti, di cui 84 in Mozambico.

Secondo un ultimo rapporto compilato dall’Afp, ripreso da fonti ufficiali, 68 persone sono state uccise in Mozambico, di cui 55 nella città portuale di Beira e 70 nello Zimbabwe. Il bilancio precedente riportava 127 morti. Una valutazione provvisoria dell’Istituto di gestione dei disastri del Mozambico riferisce che 873 case sono state distrutte nella zona di Beira, e così 24 ospedali e 267 scuole.

«Le acque dei fiumi Pungue e Buzi hanno tracimato e distrutto interi villaggi, isolando le comunità. Ci sono corpi galleggianti. Questo è un vero disastro umanitario», ha detto il presidente del Mozambico Filipe Nyusi. I cittadini si sono rifugiati sugli alberi in attesa di aiuto, ha detto il presidente. «Per ora, ufficialmente i morti sono 84, ma quando abbiamo sorvolato la zona questa mattina presto, per capire cosa stia succedendo, tutto fa pensare che il bilancio delle vittime potrebbe superare i mille morti», ha detto lo stesso presidente in un discorso televisivo a Maputo.

«Sembra che stiamo affrontando le conseguenze di una guerra su vasta scala», ha detto da parte sua il ministro della Difesa Perrance Shiri. Già domenica sera, il ministro dell’Ambiente Celso Correia aveva affermato che il ciclone Idai avrebbe potuto causare il «peggior disastro naturale» nella storia del Mozambico.

Lo Zimbabwe non ha mai sperimentato «una distruzione di infrastrutture di questa portata», ha dichiarato lunedì il ministro dei Trasporti Joel Biggie Matiza. «Molti sono morti annegati, mentre altri sono stati uccisi nel sonno da pietre che hanno demolito le loro case», ha detto il presidente Emmerson Mnangagwa. L’Associazione medica dello Zimbabwe (Zima) ha fatto appello ai volontari per aiutare le vittime e ha chiesto donazioni di cibo, acqua, gas, vestiti, coperte o tende. Appare evidente la necessità di un aiuto internazionale, che a fatica si sta mettendo in moto.

Il Mozambico è abituato ai disastri naturali. Già nel 2000, le inondazioni avevano causato la morte di 800 persone. Ma secondo i meteorologi, Idai sarebbe il ciclone più potente che l’Africa del Sud abbia conosciuto negli ultimi dieci anni.

 

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons