I pregiudizi, falsi consiglieri

«Nella mia famiglia ho imparato ad andare incontro a chi non è italiano, ma troppo spesso mi accorgo che sono influenzato dai giudizi che ho ascoltato da amici o dai media. Come riuscire a non farmi bloccare dai pregiudizi?». F.N. - Bergamo
Giovani

I pregiudizi si formano dentro di noi in un intreccio di razionale ed emotivo che porta a fissare delle affermazioni che si radicano profondamente e sembrano indiscutibili: quelli sono così! Tali convinzioni si formano e si rafforzano grazie ai segnali che ci arrivano appunto da chi ci sta vicino e dai media che, per vari motivi, tendono a presentarci spesso solo un aspetto della realtà.

Senza voler fare un discorso sui limiti dell’informazione, riprendiamoci però il diritto-dovere di conoscere più in profondità e da diverse prospettive la realtà, per farci un’idea più completa; di confrontarla con quella di altri e poi di esprimere un giudizio libero. Lo faremo non accontentandoci di brevi servizi televisivi, di articoli o di frasi ascoltate qua e là, ma guardando a chi è diverso da noi con attenzione, col desiderio di conoscerlo in profondità e possibilmente di incontrarlo nella realtà. Soprattutto, ricordiamoci che prima di appartenere a una società o a un’altra, chi ci è davanti è una persona come noi, da accogliere ed amare, e che quanto in lui è diverso non è automaticamente negativo: potrebbe essere un elemento positivo, un valore, che a me ancora manca. E, se lo accoglierò con semplicità, anche lui accetterà il dono di cui io sono portatore.

Leggi anche

Veneto
Due guide per la pace

Due guide per la pace

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

Simple Share Buttons