I discepoli di Gesù

È sintomatico vedere che il vangelo parla dei discepoli di Gesù non alla maniera dei maestri del tem

po (per i quali i discepoli erano semplicemente coloro che, frequentando la loro scuola, ne apprendevano gli insegnamenti e ne seguivano le dottrine), ma come di coloro che, perché messisi alla sua sequela, hanno la sua legge scritta nel loro cuore, tanto da non dover essere ammaestrati: hanno il Maestro stesso dentro di loro. Essere discepoli di Gesù provoca infatti un cambiamento profondo, radicale, non solo di mentalità, di pensiero, di cultura, ma di se stessi; significa – per usare una nota espressione di Paolo – «rivestire l’uomo nuovo, creato secondo Dio nella giustizia e nella santità vera» (Ef 4, 24). Un uomo, quindi, che pensa e agisce, sì, in maniera nuova, ma che primariamente è, nel suo essere, un uomo nuovo. 

Articolo completo disponibile in Pdf

I più letti della settimana

Abbiamo a cuore la democrazia

Carlo Maria Viganò scismatico?

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons