Grande musica a Roma

L’arrivederci di Antonio Pappano e il Manfred di Schumann tra Santa Cecilia e il Teatro dell’Opera
Roma, Auditorium Parco della Musica, 13 04 2023, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia: Il direttore Antonio Pappano (Foto: Ufficio Stampa Accademia Nazionale di Santa Cecilia)

Momenti forti all’ultimo concerto da direttore stabile di sir Antonio Pappano con i complessi ceciliani lo scorso 15 aprile. E commozione da parte del maestro, dell’orchestra, del coro e del «caro pubblico» a cui egli da sempre ha rivolto un saluto introduttivo alla musica da eseguire. Già, perchè dopo 18 anni, Pappano lascia la direzione ceciliana per cedere il podio ad una star, l’ex pupillo di Abbado, ora molto cresciuto, l’inglese Daniel Harding (bravissimo e fra il resto anche pilota di aerei… ).

Pappano è cresciuto insieme alla sua «famiglia» come egli chiama i complessi. E sono davvero cresciuti in suono compatto e luminoso, in un repertorio allargato al contemporaneo e al Novecento che il direttore, musicista eclettico e comunicativo, ha però anche alternato ai classici, e portato avanti con tournée mondiali, e con incisioni, l’ultima la pucciniana Turandot.

Roma, Auditorium Parco della Musica, 13 04 2023, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia: il direttore Antonio Pappano con il soprano Asmik Grigorian (Foto: Ufficio Stampa Accademia Nazionale di Santa Cecilia)

Per il suo arrivederci, Pappano, vestito con il solito camicione nero largo, ha diretto con impegno totale tre “pezzi”. Ha iniziato con Dosàna nova, brano commissionato dall’Accademia in prima assoluta del veneziano Claudio Ambrosini che rievoca il flusso delle maree con una suggestione timbrica molto bella, seguito poi dai Quattro ultimi Lieder di Richard Strauss sui testi poetici di Hesse e von Eichendorff: qui il soprano luminoso Asmik Grigorian ha dato prova di una liricità intensa, di un fraseggio accattivante e di una duttilità espressiva che hanno fatto apprezzare il canto del cigno del vecchio Strauss, nostalgico orchestratore di malinconie e pensieri ultimi.

Roma, Auditorium Parco della Musica, 13 04 2023, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Foto: Ufficio Stampa Accademia Nazionale di Santa Cecilia)

Poi, il gran finale con l’enciclopedica Decima Sinfonia opera 93, di Sostakovicun epos fluttuante e imponente, screziato e stridente, vago e appassionato che l’orchestra ha espresso con un virtuosismo bellissimo in ogni sezione, guidata da un Pappano travolgente. Entusiasmo, è la parola giusta. E il pubblico ha tributato una standing ovation calorosa e commossa, anche perché l’orchestra ha rivolto al suo maestro un inatteso omaggio musicale inglese, ovvio, dato che Pappano – in frac – dirigerà all’incoronazione del “povero” re Carlo III. Ritornerà, sir Tony, come Direttore emerito, carica creata apposta per lui.

 

… E al Teatro Costanzi

Glauco Mauri, attore, ha 93 anni ma non cede. Si mette in discussione ed eccolo a recitare nell’impegnativo Manfred, poema drammatico in tre parti per soli, coro e orchestra, da Byron, di Robert Schumann, anno 1848, l’anno delle rivoluzioni. Ed in effetti il poema byroniano porta in sé un sentimento iperomantico di angoscia, tormento, passione, di ansia di amore e amore possessivo per la vita che esprime compiutamente sia il temperamento dello scrittore inglese come quello viscerale del musicista.

La parte recitativa è complessa, lunga, alternata ad altre voci e all’orchestra che Mariotti conduce “col canto” con saggezza delicata, una musica piana e anche tumultuosa, ondivaga. Una partitura tutt’altro che semplice, ricca come è in Schumann di sottintesi psicologici profondi. Svelati, almeno in gran parte. Serata avvolta da qualcosa di misteriosamente bello e complice nell’affetto tra il vecchio attore e il giovane direttore, entrambi pesaresi.

__

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it
_

I più letti della settimana

Perché i focolarini non votano

Ti amo come sono stato amato

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons