Giocolieri nella notte

Tre giocolieri, la notte, le palline bianche, la magia

Tre giocolieri, la notte, le palline bianche, la magia. Poi un rumore che fa irrompere la luce, gesti, fiammelle di decine di candele bianche. E la notte si popola di personaggi: una tribù, un gregge, uno sciame, una formica, che entrano attraverso porte e finestre. E così come dilaga il caos, allo stesso modo i tre uomini si sfidano per ristabilire l’ordine,  il silenzio e il buio. Il risultato è lo spettacolo Nuit, un ambiente misterioso e onirico, dove il suono soffuso degli strumenti ad archi incornicia con delicatezza i volteggi eleganti dei giocolieri, la loro capacita di disegnare piccoli pensieri aerei. Fin dalla sua nascita nel 2003, il Collectif Petit Travers ha esplorato la giocoleria attraverso una ricerca focalizzata sulla creazione di un linguaggio articolato e comunicativo, il cui significato non è nel senso di virtuosismo fisico, ma un’accezione più allargata di dialogo, apostrofo, appello. Così nelle mani dei tre artisti la palla diventa veicolo di comunicazione, disegnando nell’aria traiettorie capaci di suggerire partiture musicali e nuove percezioni del ritmo e del tempo.

A Torinodanza, dall’11 al 15/10

I più letti della settimana

Casamicciola

Casamicciola: si poteva evitare

Lorenzo è volato in cielo

gioia

Gioia contagiosa

Donne in lotta contro le violenze maschili

Simple Share Buttons