Generatività che supera ogni frontiera

Sembra un avvenimento dei nostri giorni, eppure si è realizzato un secolo fa: la generatività di Charles de Foucauld si manifesta quasi dieci anni dopo la sua morte. Aveva sempre desiderato avere discepoli e per loro aveva preparato, secondo lo stile della vita religiosa dell’epoca, regolamenti e direttorio, ma mai ebbe la gioia di accoglierli a Tamanrasset dove viveva. Lo Spirito ha avuto i suoi tempi, superando poi largamente le aspettative di frère Charles. Oggi sono ventuno le famiglie religiose che si richiamano al suo carisma e al suo modo di seguire il «beneamato fratello e Signore». A parlarcene è il postulatore della causa di canonizzazione di de Foucauld.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Vivere, connessi, per un Mondo Unito

Chiara Lubich e Simone Weil

Ma quanto siamo fragili!

Curdi senza protettori

Simple Share Buttons