Femminile singolare

Femminile singolare

Crescono e cantano, le piccole donne del nuovo pop-rock. Crescono in numero, talento, successo e visibilità inversamente proporzionali alla crisi dei mercati.

Un’inversione di tendenza ormai indiscutibile. E se fino a qualche anno fa i personaggi femminili “funzionavano” meglio dei maschi in tivù, ma vendevano molto meno, oggi è soprattutto grazie a loro che l’industria riesce a fronteggiare la depressione dei propri bilanci. In verità il fenomeno ha anche una sua ciclicità: fin dai primi anni Ottanta, quasi ogni lustro, il music-business è segnato da una nuova valanga rosa, più o meno consistente e resistente.

L’ultima è di questi mesi, e mai come questa volta la scena appare variegata ed effervescente. A scanso d’equivoci bisogna aggiungere che il fenomeno ha radici e ragioni più merceologiche che sociologiche o artistiche: se, dati alla mano, oggi le donne vendono più dei maschi, è evidente che l’industria della canzone ne prende atto e s’attrezza aumentando l’offerta.

Allo stesso modo è inequivocabile che, proprio perché espressione dei costumi del proprio tempo, il pop-rock ne ha sempre specchiato ed amplificato le tendenze più evidenti. Da qui il fiorire di personaggi di scarsa caratura e spessore culturale, ma dal notevole appeal: ninfette ammiccanti, più o meno pruriginose, a gorgheggiare testi mediamente inconsistenti o banalotti, ma stracolmi di doppi sensi e di allusioni. Esempi eclatanti sono fanciulle come Kate Perry e Lady Gaga: capaci di conquistare i teen-ager globalizzati del Terzo Millennio con un pugno di canzonette che hanno la stessa freschezza, consistenza, sostanza e longevità dei chewing-gum. Perfette per godibilità e perfezione formale, ma che devono la loro fortuna soprattutto a quell’intrigante miscela di glam e sexytudine patinata, di gossip e radical-kitch con cui i signorotti del business han saputo costruire questi personaggi.

Figlie predilette del tam-tam internautico e dell’estremizzazione del consumismo post-moderno, queste signorine e le loro consorelle rischiano ovviamente il destino delle farfalle e delle meteore, ma il loro pragmatismo potrebbe anche consentirgli d’evolversi darwinianamente, in sintonia con gli umori e i gusti circostanti e del loro pubblico.

Naturalmente non tutte le nuove stelline sembrano genuflesse alle logiche dell’usa e getta. C’è anche chi cova o vorrebbe dimostrare ambizioni diverse. È il caso per esempio dell’afro-canadese Melanie Fiona o della norvegese Lene Marlin: tre talenti ancora da svezzare, ma che se sapranno non adagiarsi sugli allori e i clamori del presente potrebbero anche resistere all’arrivo della prossima onda.

In mezzo una miriade di altre aspiranti al trono dell’immarcescibile Madonna: dalla scozzesina Amy McDonald alla londinese Lily Allen, dall’emergente dell’Arkansas Beth Ditto all’australiana Lenka, dalla spagnola Bebe a Chrisette Michele di Long Island, e via andare con le varie Pixxi Lott, Ciara, le gemelle Nina Sky, Taylor Swift, Shontelle, Bath for Lasces…

Neppure l’Italia fa eccezione, anche se qui è difficile riuscire a farsi notare prescindendo dai trampolini catodici tipo X Factor o Amici. Tra le poche eccezioni cito Erma Castriota in arte H.E.R, e il suo Magma: un album per sola voce e violino di grande fascino, e l’italo-americana Laura Trent col suo notevole Wish me well album di pop-rock cosmopolita sponsorizzato da Gino Paoli.

 

 

CD NOVITA’

 

Jenny Sorrenti

Burattina

(Odd times – Egea)

 

A proposito di donne. Già eroina del primo progressive italico con i Saint-Just, questa sottovalutata artista è per metà partenopea e per metà gallese. In questo eccellente nuovo album, realizzato con la complicità dell’orchestra Malombra, miscela con sapienza folk multietnico e pop d’autore, aromi mediterranei e scampoli di prog-rock. E su tutto, una voce da brividi.

f.c.

Leggi anche

Opera
Trionfo per Traviata

Trionfo per Traviata

di
Arte
Pietà del nostro tempo

Pietà del nostro tempo

di
Musica
Cosa succede in città

Cosa succede in città

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

I miei segreti

Scopri Città Nuova di Aprile!

Draghi, la Libia e i migranti

Altri articoli

Declino demografico e pandemia

Gocce di Vangelo 14 aprile 2021

Il Ramadan in tempo di Covid

Simple Share Buttons