Fare Città

Carlo Cellamare - Elèuthera    
Carlo Cellamare "Fare città"

La città come insieme di immobili da valorizzare e vendere? Oppure bene comune con spazi pubblici che arricchiscono tutti? Se non si vive da estranei, o ridotti a semplici utenti, cresce l’esigenza di partecipare alle decisioni che incidono sulla vita personale e collettiva. Cellamare ci conduce, senza retorica, all’interno di un conflitto urbanistico al centro di Roma, nel Rione Monti, l’antica Suburra, dove il tessuto sociale, fatto di storie e persone reali, è insidiato dalla trasformazione in città‑vetrina composta di luoghi di consumo senza identità. Come la piazzetta a misura di uomo, frequentabile anche da bambini e anziani, che diventa un parcheggio o è invasa da tavolini dell’esercizio commerciale. Il titolo indica la possibilità di una diversa progettazione urbanistica a partire dal vissuto degli abitanti, per recuperare il senso dei luoghi e aprire gli occhi sui beni comuni sotto assedio. Serve l’impegno di reti sociali e di cittadini che si aprono al dialogo, anche faticoso, capace di mettere in crisi politiche urbane consolidate (“il partito del cemento”) per riannodare «il rapporto tra città di pietra e città vivente».  

Leggi anche

Narrativa
Chiara Lubich

Chiara Lubich

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons