Il digitale per i comuni montani

Il Piano nazionale per la Banda ultralarga è un’opportunità da non perdere, per portare finalmente anche nelle zone più rurali servizi televisivi, di telefonia mobile e di trasmissione dati di qualità

Le sfide del divario digitale tra aree rurali e urbane, e dell’innovazione, sono decisive per tutti i territori montani, appenninici e alpini. Sono sfide da vincere. L’Uncem, l’Unione dei Comuni, delle Comunità e degli Enti montani (quasi 4 mila soggetti istituzionali rappresentati in Italia), sostiene da tempo la necessità di investimenti per superare le difficoltà nell’accesso ai servizi televisivi, alla telefonia mobile e alla trasmissione di dati in alta velocità.

Serve in primo luogo una nuova attenzione da parte degli operatori privati, spinti da precisi e chiari provvedimenti istituzionali nazionali. La banda ultra-larga e l’Agenda digitale nelle aree interne e montane del Paese. Sfide e opportunità per vincere il digital divide è il titolo del seminario che Uncem ha organizzato per sindaci, amministratori locali, politici, tecnici, addetti ai lavori, professionisti. Si terrà a Roma il 19 settembre, dalle ore 10,30, presso la sede della Provincia di Roma a Palazzo Valentini (Sala Monsignor Luigi di Liegro) in via IV Novembre 119a.

Il recente Piano per la banda ultralarga, con i 3,3 miliardi di euro che verranno investiti in tutto il Paese da oggi al 2020, dovrà permettere di cablare i territori montani raggiungendo tutte le case, secondo gli standard europei e quanto definito con Bruxelles dal Governo italiano, attraverso Agid, Infratel, Ministero dello Sviluppo economico.

In molti Comuni sono già partite progettazioni e appalti, in alcuni la cablatura, con i tecnici di Open Fiber al lavoro. Il ritardo registrato negli ultimi mesi non deve minare la fiducia dei rappresentanti istituzionali: troppo spesso in passato, interventi per il superamento del gap infrastrutturali si erano rivelati senza successo. Molti i soldi spesi, senza effettivi e diffusi benefici. Così non può essere oggi. Le associazioni degli Enti locali ci hanno messo la faccia, presentando (anche mercoledì prossimo) quanto lo Stato sta facendo con i soldi pubblici.

Nuove reti infrastrutturali dovranno veicolare nuovi servizi della PA ai cittadini, connettere Comuni ed Enti locali, agevolare notevolmente le imprese e anche favorire telelavoro e telemedicina. Nuove opportunità da costruire con gli operatori. Si tratta solo apparentemente di piccole necessità, agli occhi di imprese delle telecomunicazioni che cercano solitamente business e grandi numeri. Le istanze dei territori, un piano completo e condiviso con gli Enti locali, sono la chiave per un futuro sostenibile nel quale si “riducono distanze” e si accrescono capacità in tutti i territori. Servono una visione, un approccio culturale da analizzare e promuovere.

Uncem mercoledì a Roma ha coinvolto i massimi esperti del settore delle telecomunicazioni e dell’innovazione affinché possano illustrare, in un dialogo con gli amministratori locali, in primo luogo come sta procedendo il Piano nazionale per la Banda ultralarga, cosa si sta facendo nelle regioni e come verranno attivati nuovi servizi ai cittadini e alle imprese, nel quadro di un’Agenda digitale per la Montagna in costruzione, da presentare a Governo e Parlamento.

 

Leggi anche

In punta di penna
L’incendio di un pezzo di Internet

L’incendio di un pezzo di Internet

di
Astronomia e non solo
Il crollo di Arecibo

Il crollo di Arecibo

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Come essere autentici

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Draghi, la Libia e i migranti

Simple Share Buttons