Democrazia e legge elettorale

Sono tante le conseguenze della riduzione del numero dei parlamentari confermata con il referendum costituzionale

Tra i possibili effetti derivanti dalla riduzione del numero dei parlamentari, approvata per il referendum lo scorso 20-21 settembre, vi è la (ennesima) riforma della legge elettorale. Scriviamo possibili perché, in effetti, si potrebbero eleggere i futuri 400 deputati e 200 senatori con le disposizioni vigenti. Anzi ciò è esattamente quanto il legislatore ha previsto, assicurando l’applicabilità delle leggi elettorali…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons