Davvero, la missione è di Dio

Padre Pierluigi Maccalli della Società delle Missioni Africane (Sma) nel settembre 2018 è stato sequestrato nel Niger dov’era in missione e tenuto prigioniero in Mali dal Gruppo di sostegno all’Islam e ai Mussulmani (Gsim). Ha ritrovato la libertà l’8 ottobre 2020 insieme ad altri tre ostaggi: il politico maliano Soumaila Cissé, l’umanitaria francese Sophie Pétronin e l’italiano Nicola Chiacchio, suo compagno di prigionia per oltre un anno. Il 9 novembre 2020 è stato ricevuto in udienza privata da papa Francesco. Qui ci confida i suoi sentimenti e la scoperta di un altro volto della missione. 

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Ispirata o manipolatrice?

Il riposo secondo Francesco

zan

Ddl Zan e il reato di opinione

Dentro la domanda di eutanasia

Simple Share Buttons