Da principessa a suora, nel cuore di una tribù indigena argentina

Miguela Acosta è nata destinata a essere una principessa per eredità, ma il cammino della fede l’ha portata a consacrarsi al Signore e a diventare una religiosa missionaria. L’ultima intervista prima della sua scomparsa.
Comunità indigena
Miguela Acosta, in mezzo a destra, insieme a suo padre, Feliciano Acosta, curandero cacique, una missionaria di Paraná e altri membri della tribù.

La sua storia è piena di bellezza, perché intreccia due realtà completamente differenti, appartenenti a mondi diversi, anche se all’interno dello stesso Paese. Miguela è nata nella regione del Chaco, in Argentina, in una zona boschiva chiamata El Impenetrable proprio…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons