Il tuo cuore all’orecchio di Dio

Il nostro sentire va quindi interpretato e gestito secondo tre fondamentali co- ordinate: ascoltare il proprio cuore, sapendo allo stesso tempo ascoltare il sentire degli altri e, in tutto ciò, lasciare che Dio ascolti e legga e trasformi il nostro cuore. È attorno a questa tematica che si sviluppa il focus del presente numero di Ekk- lesía che, da molteplici prospettive, intende essere un piccolo contributo a una Grammatica dei sentimenti, tanto necessaria in un’epoca della comunicazione veloce e superficiale in cui spesso non sappiamo né ascoltare né interpretare e discernere ciò che sentiamo, e proprio per questo ne siamo facilmente travolti e sopraffatti anziché animati, motivati, aiutati.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Perché i focolarini non votano

Diario di un viaggio in Congo

Ti amo come sono stato amato

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons