Crash course in romance, un corso accelerato sull’amore

Crash course in romance è una nuova serie televisiva trasmessa su Netflix. Una romantica e scoppiettante storia d'amore tra due personalità opposte che vede, sullo sfondo, le forti pressioni delle famiglie sugli studenti sudcoreani, i pregiudizi intorno alle persone con disturbi dello spettro autistico, le grandi differenze in termini di opportunità tra gli appartenenti a classi sociali differenti.
Crash course in romance
Una scena di Crash course in romance, tratta dal profilo Instagram di Jeon Do-yeon

In Italia è stata tradotta col titolo “Corso accelerato sull’amore“: parliamo di Crash course in romance, la nuova serie sudcoreana tra le più viste in queste settimane su Netflix – tra i kdramas (le fiction della Corea del Sud) – insieme alla seconda stagione di Alchemy of souls – Light and shadow e ad Interest of love. Nel nostro Paese la prima delle 16 puntate previste è stata mandata in onda il 6 febbraio e, come in tante fiction della Corea del Sud, unisce romanticismo, avventura, tanto umorismo, ma non solo: si parla anche dello studio matto e disperatissimo degli studenti che vogliono accedere all’Università, delle barriere che bloccano i più poveri impedendo loro un’ascesa sociale e dei pregiudizi che ci sono rispetto a chi ha disturbi dello spettro autistico.

Protagonisti della serie Crash course in romance sono Nam Haeng-seon (interpretata da Jeon Do-yeon, affascinante attrice qui imbruttita per esigenze di copione) e Choi Chi-yeol (impersonato da Jung Kyung Ho), due star di primo piano della Corea del Sud. Lei è un’ex giocatrice di pallamano della nazionale, lui invece è una star dell’insegnamento, che ha saputo sfruttare le sue qualità, riuscendo a diventare il migliore prof della più ambita scuola privata, The Pride Academy.

Attenzione, spoiler: chi non vuole conoscere anticipazioni sulle prossime puntate non deve continuare la lettura dell’articolo!

Crash course in romance
Una scena di Crash course in romance, tratta dal profilo Instagram di Jeon Do-yeon

Crash course in romance mostra l’avvicinamento dei due protagonisti, con personalità completamente opposte: lei – estroversa, sportiva e poco pratica con i numeri – gestisce un negozio di cibo da asporto; lui è un genio della matematica, con problemi alimentari e disturbi del sonno, brillante sul lavoro, ma riservato e freddo nelle relazioni umane, immerso totalmente nel lavoro, ma sinceramente affezionato ai suoi studenti.

Tutt’intorno ci sono la comunità familiare e scolastica. C’è il college frequentato dalla figlia di Nam Haeng-seon, Nam Hae-yi (interpreata da Roh Yoon-Seo), con le problematiche affrontate dai ragazzi, messi duramente sotto pressione dalle famiglie affinché ottengano i voti migliori in modo da accedere alle università più prestigiose. Non sono ammessi ripensamenti né distrazioni: bisogna studiare e basta, anche se questo stress può provocare danni alle giovani menti più fragili. Come succede al figlio maggiore di Jang Seo-jin (impersonata da Jang Young-nam), che approfittando del buio della notte gira solo di notte. Su di lui si appuntano i sospetti degli investigatori che sono alla ricerca dell’assassino che – con pallini di acciaio – ferisce o uccide insegnanti e studenti.

C’è poi la famiglia di Nam Haeng-seon: ne fanno parte la figlia Nam Hae-yi, il fratello Nam Jae Woo (interpretato da Oh Eui Sik) e l’ex compagna di squadra della nazionale e amica del cuore, nonché dipendente del negozio, Kim Young-joo (impersonata da Lee Bong-ryun). Non tutto, però, è come appare: Hae-yi non è veramente figlia di Nam Haeng-seon, ma sua nipote, figlia della sorella, che l’aveva abbandonata quando aveva 5 anni. Per accudirla, Nam Haeng-seon aveva lasciato la nazionale e aveva cominciato a lavorare.

Andando indietro nel tempo, si scopre che la mamma di Nam Haeng-seon era la benefattrice di Choi Chi-yeol. Quando studiava per diventare insegnante, povero in canna dopo essere rimasto orfano, era lei che sfamava gratuitamente la futura star della matematica. I due protagonisti si incontrano e si scontrano per un malinteso legato alla sindrome di Asperger che ha il fratello di Nam Haeng-seon: un disturbo di cui si è parlato molto, in Corea del Sud, proprio grazie a questa fiction che mostra la sofferenza delle persone autistiche, spesso non ascoltate e non capite, evitate, emarginate e ridicolizzate dalla società. C’è anche un altro problema, che emerge in moltissime serie tv sudcoreane, ed è l’abuso di alcol: birre, vini e liquori.

Tutto intorno c’è una comunità di mamme pronte a tutto per il successo scolastico dei figli, anche ad escludere ragazzi che hanno la sola colpa di essere intelligenti, ma meno abbienti, come Nam Hae-yi. Nel corso delle puntate di Crash course in romance si assiste anche – tra le risate, per le tante situazioni umoristiche che si susseguono – all’avvicinamento affettivo dei due protagonisti, che loro malgrado si trovano al centro di uno scandalo quando si scopre che il prof star dà lezioni private alla figlia di Nam Haeng-seon. Una scelta nata per riparare all’ingiustizia subita dalla ragazzina. Per non far cadere l’amica nella rete delle malelingue, Kim Young-joo ha infatti raccontato a tutti che Nam Haeng-seon è sposata e suo marito lavora fuori. Davanti a quello che sembra un caso di adulterio, Choi Chi-yeol viene emarginato dalla comunità scolastica, tanto da decidere di dimettersi. Per aiutarlo, Hae-yi rivela a tutti di non essere davvero figlia di Nam Haeng-seon. La storia continua, ma con lo spoiler ci fermiamo qui.

Resta però una storia delicata e pulita, come vuole la migliore tradizione sudcoreana. Una serie tv in cui nonostante difficoltà e problemi prevalgono i buoni sentimenti: non un semplice buonismo, ma valori veri e consolidati, come l’onestà, la lotta ai pregiudizi, la solidarietà, i legami affettivi, il duro lavoro, l’onestà. Anche l’amore vero, quello che vuole il bene dell’altro, anche a scapito del proprio. E resta la denuncia forte e costante, lungo tutte le puntate, di un sistema scolastico alienante ed estremo, in cui si spingono gli studenti a primeggiare a tutti i costi, senza guardare in faccia a nessuno.

Crash course in romance è allora una serie da non perdere, anche se l’audio non è ancora in italiano e bisogna – per chi vuole vederla – adattarsi con i sottotitoli.

_

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

_

I più letti della settimana

Tonino Bello, la guerra e noi

Il voto cattolico interessa

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons