Conversione del cuore e dialogo tra le religioni. Una riflessione teologica

La conversione del cuore: è questo, a ben vedere, l'appello che ci tocca più da vicino e più in profondo e, al tempo stesso, il dono promesso da Gesù Cristo, Redentore dell'uomo, che con fiducia e speranza invochiamo all'approssimarsi dd Giubileo. Giovanni Paolo II, nella Tertio millennio adveniente, sottolinea che "la gioia di ogni Giubileo è in particolar modo ( ...) la gioia della conversione», «condizione preliminare per la riconciliazione con Dio tanto delle singole persone quanto delle comunità» (n. 32). Partendo da questa premessa l'A. riflette brevemente sul significato dell'appello e del dono della conversione nella prospettiva della fede cristiana, per poi trame qualche suggestione in ordine al dialogo tra le religioni.

I più letti della settimana

Tonino Bello, la guerra e noi

Perché i focolarini non votano

Diario di un viaggio in Congo

Il voto cattolico interessa

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons