Contestazione e liberazione nella Chiesa post-conciliare

 
Ph. Lothar Wolleh

Nel clima ideologico delle contestazioni politiche della fine degli anni Sessanta, la Chiesa fu protagonista di un movimento di rinnovamento importante, i cui fermenti possono essere fatti risalire agli anni ancora del Concilio Vaticano II, e gli esiti si prolungano fino alla teologia della liberazione. In mezzo, la grande profezia della Populorum progressio (1967) e il magistero di Paolo VI.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons