Città Nuova 2.0

Novità per il gruppo editoriale sul web: 1200 libri su Google e abbonamenti anche online.
Città Nuova Google

Paolo Friso è responsabile vendite di Città Nuova editrice.

 

Spiegaci questo sodalizio con Google…

«Google è una vetrina planetaria che ci ha offerto di esporre i nostri contenuti. Sul motore di ricerca sono ormai presenti estratti di 1200 libri: testi di Chiara Lubich, esperienze, molte nostre collane. Entro l’autunno contiamo di inserire l’intero catalogo. Per passare poi alla seconda fase: il lettore potrà leggere l’intero libro su i-phone, i-pad o sul pc di casa. Scaricarlo o leggerlo in Rete mentre per esempio si trova sulla metro. Insomma ovunque. E ogni volta ripartire esattamente dal punto in cui si era interrotto».

 

Ma come funziona concretamente?

«Si va nella sezione “Libri” del portale Google e si digita “Città Nuova”. Verrà fuori una schermata con tutti i nostri testi. Per ogni libro si troveranno solo alcune pagine, il 20 per cento circa, per consentire un primo approccio all’argomento e suscitare interesse. Quindi il navigatore può decidere se comprare il libro in formato elettronico o cartaceo, andando alla pagina di Città Nuova. Questa non è la nostra prima esperienza: con Casalini digital, un motore specializzato per università e biblioteche internazionali, siamo presenti con i nostri titoli in accademie come Yale, Notre Dame, Tubinga».

 

Marta Chierico cura la diffusione della rivista Città Nuova in Italia.

 

Perché queste novità?

«Ci sono lettori che preferiscono abbonarsi o rinnovare l’abbonamento alle riviste cartacee del Gruppo usando il pc. Altri preferiscono leggere la rivista non sulla carta, ma sul pc. Ora sul sito ci si può abbonare all’edizione cartacea (45 euro) o a quella digitale (30)».

 

Come ci si abbona?

«Dal primo giugno gli articoli di Città Nuova online sono in parte oscurati. Li legge solo chi è abbonato (alla rivista cartacea o a quella in Rete). Rimangono invece visibili a tutti le notizie giornaliere.

«Per chi è già abbonato a Città Nuova cartacea, dunque, non cambia nulla: deve solo registrarsi la prima volta, seguendo le istruzioni riportate sulla sezione “Abbonamenti”, e poi digitare la propria "mail" e "parola chiave" quando il sistema lo richiede.

«Per i nuovi abbonati, invece,  cliccare su “Abbonamenti” (colonna di sinistra) e seguire le indicazioni, inserendo i propri dati, compresa la mail, e la forma di pagamento preferita».

 

Con Città Nuova digitale dobbiamo dare l’addio alla carta stampata?

«Assolutamente no! Vuoi mettere una bella rivista patinata (come Città Nuova) o un bel libro, che posso mettere in borsa e leggere sulla metro, in fila nelle sale d’attesa, sotto l’ombrellone in spiaggia, tenere nello zaino durante le escursioni, o gustarmi a letto la sera quando sono spenti tutti i rumori della giornata? Insostituibile!».

I più letti della settimana

Se EDB chiude…

Vasco

Pensiero debolissimo, anzi no

Trieste

Dietro i fatti di Trieste

Simple Share Buttons