Camerun e Madagascar trovano un cura per il Covid

Mentre un vaccino contro il coronavirus è lento ad arrivare, il continente africano è determinato a cercare una soluzione senza attendere invano una scoperta che verrebbe dall'Occidente. Chissà…
AP Photo/Sunday Alamba

Prima in Madagascar e, tre giorni fa, in Camerun, è nata la speranza nella scoperta di una cura miracolosa (secondo la terminologia dei media occidentali) contro Covid-19.

Il 19 aprile, il presidente malgascio Andry Rajoelina ha annunciato alla televisione il lancio ufficiale della medicina preventiva e curativa contro il Covid-19, «scoperto dai ricercatori malgasci», aspettandosi che l’ordine economico mondiale fosse scosso alle fondamenta.

Covid-Organics, il nome dato a questo trattamento, è nei fatti una tisana a base di foglie essiccate di artemisia, prodotta dall’Istituto Madagascan per la ricerca applicata (IMRA). Il suo uso è stato criticato sulla scienza internazionale, in particolare dall’Oms, che non lo raccomanda perché il numero di studi clinici è insufficiente.

Ma il presidente del Madagascar continua a lodare tale rimedio preventivo che rafforzerebbe le difese immunitarie. «Abbiamo fatto dei test, due persone sono ora state guarite da questo trattamento», ha dichiarato Rajoelina all’inizio di questa settimana. Aggiungendo: «Questa tisana dà risultati in sette giorni. Possiamo cambiare la storia», ha detto. Il presidente senegalese, Macky Sall, si è congratulato con il collega e ha colto l’occasione per ordinare, secondo la presidenza malgascia (non confermata da Dakar), molta pozione magica.

Ancora più esplicito, il congolese Felix Tshisekedi raccomanda l’uso della tisana antimalarica già ampiamente praticata in Congo e all’origine del Premio Nobel 2015 per la medicina in Cina.

Tuttavia, con solo 121 casi segnalati e nessun decesso, il Madagascar non presenta una situazione allarmante ma, attraverso questo farmaco, si mette sotto le luci dei media e della comunità scientifica internazionale.

Secondo l’Oms, attualmente non esiste alcuna prova che gli attuali farmaci possano prevenire o curare la malattia. E tuttavia, l’organizzazione riconosce che «i rimedi tradizionali possono alleviare i sintomi di Covid-19».

 

In Camerun, l’arcivescovo di Douala, mons. Samuel Kleda, ha istituito un protocollo per il trattamento contro il coronavirus. La terapia religiosa aiuta ad alleviare i pazienti affetti da coronavirus con un intruglio a base di erbe. «Conoscevo già la fitoterapia. Ho semplicemente messo insieme tutte le ricette disponibili per servire i pazienti di Covid-19 e sono sollevati», ha detto il prelato a Crtv (l’emittente del governo). «Se ci sono persone infette, ricevono il prodotto e dopo un po’ migliorano. Quindi possiamo ripetere il test per vedere se il risultato è negativo e quindi confermare che questa è la soluzione per il Covid-19», continua. Ma non vuole strafare: «Per il momento, stiamo trattando i sintomi di Covid-19 e le persone si sentono sollevate», afferma. Il vescovo Kelda ha osservato che alcune infermiere, avendo avuto problemi respiratori dopo essere stati in contatto con i malati, sono state sollevate dal suddetto prodotto. Nota, ad esempio, che la tosse si è fermata… La medicina, in ogni caso, è gratuita per i malati.

 

A parte gli scherzi, la corsa per il rimedio contro il Covid-19 è stata davvero lanciata in Africa. Ora galvanizzato da sperimentazioni su base vegetale, tutti i ricercatori sono in aumento per trovare il miglior trattamento che esista e per spingere il continente ai massimi livelli di successo

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons