Buone idee per cambiare l’Italia

C’è un provvedimento in Finanziaria 2007 che merita qualche considerazione in più. Se non altro, perché si parla di giovani. In positivo, finalmente. E della loro creatività. Immaginazione, intraprendenza, progettualità! Gli educatori sanno di quanto ce ne sia bisogno, soprattutto oggi, di fronte al rischio della manipolazione del cervello, e delle coscienze. Lo sanno bene anche le nostre industrie, in crisi non solo di produttività, ma soprattutto di innovazione. E anche i nostri centri di ricerca, che sopravvivono più per buona volontà dei suoi studiosi che per la lungimiranza delle istituzioni. Ma ora, dal Dipartimento per le politiche giovanili e le attività sportive, un segnale incoraggiante, un apposito bando di concorso: Giovani idee cambiano l’Italia, per giovani fra i 18 e 35 anni che (in gruppi informali di lavoro di almeno 4 persone) intendano produrre idee in vari àmbiti, da quello sullo sviluppo sostenibile, all’innovazione tecnologica, alla gestione dei servizi urbani e territoriali per la qualità della vita dei giovani. Candidate anche tutte le idee innovative di utilità sociale e di impegno civile. I fondi a disposizione non sono un granché, ma è convinzione unanime ormai che più si è creativi più si sviluppano attitudini, si producono risorse e capitali, non solo economici, ma relazionali, sociali, spirituali. Una creatività a tutto campo, quindi, contro l’incombente pressione del conformismo. E non basterà, certo, un pur lodevole bando di concorso per farla crescere. Occorre dar vita ad una continua opera educativa e formativa che vada in tale direzione, capace veramente, come dice l’etimologia, di e-ducere, di trar fuori: un’operazione possibile solo se i giovani vengono incoraggiati a manifestarsi, a interrogare e a interrogarsi, a rischiare e a progettare, dando espressione a tutte le proprie potenzialità. Ci sarebbe molto da cambiare in questo senso anche nei nostri curricoli scolastici, da quelli di base fino a quelli universitari, stimolando un apprendimento più creativo, responsabile e compartecipato. In questo senso, più che di quotidiane notizie di morti ammazzati e di intriganti pettegolezzi, la nostra Italia ha bisogno di qualche buona idea. Se buone e innovative idee vengono incoraggiate, è più facile che crescano anche buone opere, quelle che veramente servono per ridare fiato e fiducia nel cambiamento. I giovani, quelli meritevoli, ne hanno tutto il diritto.

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Voglia di potere

Simple Share Buttons