Brevi media

IN RETE SEMPRE PIÙ SHOPPING VIRTUALE Dare uno sguardo alle vetrine e confrontare le offerte per scegliere gli acquisti sono operazioni che un numero sempre crescente di italiani compie stando comodamente davanti al proprio pc. Sono infatti oltre un milione gli utenti di Internet che hanno fatto spese on line attraverso i siti italiani di e-commerce nel secondo semestre del 2004, con una crescita del 20 per cento rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno. I dati, ricavati dal Comitato di coordinamento delle infrastrutture per l’e-banking dell’Abi, mettono in rilievo che, ancora più diffuso dell’acquisto, è lo shopping in rete fatto da chi vuole anche solo curiosare tra gli oggetti a disposizione: sono oltre 15 milioni infatti, pari al 78 per cento degli utenti totali, i visitatori abituali di vetrine nei negozi virtuali. Con maggiori presenze e maggiori acquisti non poteva non aumentare anche la pubblicità on line che, nel 2004, ha avuto una notevole impennata. Secondo l’Associazione europea degli editori on line, infatti, l’aumento medio complessivo dei ricavi pubblicitari 2004 da parte degli associati ammonta al 41 per cento. Un risultato che è considerato così promettente ed indicativo di una tendenza positiva del settore, da far prevedere, per l’anno in corso, una ulteriore crescita del 20 per cento. Nel rapporto tra Internet ed il nostro paese, è interessante anche il risultato di un’altra indagine realizzata invece dall’Associazione italiana editori. La ricerca disegna una popolazione nella quale circa un italiano su due conosce ed usa abitualmente il computer: sono saliti infatti a 23 milioni gli internauti, pari al 46 per cento della popolazione. Accanto ad essi rimane però un 45 per cento che si definisce analfabeta informatico”, dichiarando di non saper utilizzare né Internet né il pc. Anche tra coloro che si muovono con dimestichezza tra mouse e tastiera, però, è certamente il collegamento ad Internet ad attirare maggiormente: ben 8 utilizzatori di pc su 10 si collegano, infatti, alla rete. INTERATTIVITÀ Siamo ancora lontani Il 92,2 per cento dei comuni italiani ha un proprio sito, ma solo il 24,6 per cento offre almeno una prestazione interattiva. La prima indagine nazionale sulla diffusione e l’efficienza dei servizi on line forniti dai comuni italiani, realizzata dall’Osservatorio sui servizi on line del progetto Crc-Italia, ha censito i quasi 15 mila servizi offerti nei siti dei 1.112 comuni italiani con più di 10 mila abitanti. Tra di essi, quelli pienamente transattivi, che permettono cioè l’effettuazione di tutte le operazioni, pagamento compreso, in rete, sono risultati 623, corrispondenti al 4 per cento del totale. OCCHIO AL SITO Un passaporto per il dialogo Il giornale dell’Italia multietnica è uscito on line e presto sarà anche nelle edicole come settimanale. Si chiama www.ilpassaporto. it e contiene articoli di attualità e di cronaca, storie di persone straniere che vivono in Italia e testimonianze di dialogo e conoscenza tra persone di popoli e culture diverse. La sezione Vivere in Italia permette un filo diretto con esperti in materia di leggi, scuola, casa e lavoro. Per coloro che hanno ancora qualche problema con l’italiano, c’è anche un servizio interattivo che aiuta ad imparare la nostra lingua nato dalla collaborazione con l’Università di Siena. IN LIBRERIA Un manuale per l’animatore L’animatore della comunicazione e della cultura è la nuova figura pastorale che il recente Direttorio sulle comunicazione sociali della Cei prevede a livello parrocchiale e diocesano. Questo libro, che si propone come manuale, vuole costituire uno strumento di formazione indirizzato agli animatori pastorali e a tutti coloro che sono interessati ad un uso consapevole dei media come fruitori e come attori. Partendo dalle regole che caratterizzano ogni processo di comunicazione, il testo analizza i singoli mezzi di comunicazione, dalla radio alla tv, dai giornali ai new media, con schede di approfondimento e suggerimenti per applicazioni concrete (Animatore della comunicazione. Manuale per una nuova figura pastorale, Ancora, 10 euro). Anna Lisa Innocenti netone@cittanuova.it Città nuova – N.10 – 2005

I più letti della settimana

lutti

Lutti complicati

Casamicciola

Casamicciola: si poteva evitare

Simple Share Buttons