Azzardo, regole e poteri

«Un negozio sotto casa ha chiuso diventando un locale per scommesse e gioco d'azzardo. Anche di mattino presto capannelli di avventori si mettono in fila per entrare. Tra l'altro, abito vicino ad una scuola e mi chiedo: non esiste una regola? Dobbiamo fare una richiesta al comune?». Lettera firmata - Roma

I più letti della settimana

Dialogando con Tiziana Merletti

Il Cigno nero secondo Luigino Bruni

Si può imparare a litigare?

Simple Share Buttons