Amore e routine

Siamo sposati da circa 20 anni e, pur andando d’accordo tra noi, abbiamo l’impressione che il nostro rapporto sia caduto nella routine. L’innamoramento dei primi anni sembra scomparso e anche la nostra vita intima è diventata un’abitudine… . Una coppia di Verona È normale che l’innamoramento, poggiato essenzialmente su meravigliose emozioni, si vada progressivamente attenuando nel tempo. Esso, però, dovrebbe lasciare spazio ad una nuova relazione, diremmo quasi ad un nuovo innamoramento, non gratuito ed inaspettato come il primo, ma da costruire giorno per giorno. Si tratta di ritrovare un nuovo interesse per quella persona concreta con cui si condivide la vita, nell’attenzione e nel rispetto per i cambiamenti a cui si va incontro col passare degli anni. Non si può trascinare la vita matrimoniale nel rimpianto di un passato ormai lontano, ma occorre sforzarsi di realizzare quel progetto d’amore intravisto durante il fidanzamento con la sua magica esplosione iniziale e di diventare sempre più una sola cosa. Ma come fare quando la vita familiare ci prende con le sue preoccupazioni, le sue incognite, le sue delusioni? Dall’esperienza di tante coppie, si rivela importante la riscoperta della tenerezza, che spinge ad essere attenti all’altro, ai suoi desideri, alle sue necessità. Ma non si può essere teneri senza un po’ di allegria, senza una buona dose di umiltà, senza la capacità di chiedere e di concedere il perdono, senza un desiderio reale di voler rendere felice l’altro. Un segreto è anche guardarlo con occhi sempre nuovi, come se lo si vedesse per la prima volta, senza dire: Ormai lo conosco, so com’è fatto, non c’è niente da fare. Ogni persona è sempre un mistero, una realtà mai completamente esplorata. Tenerezza è amare l’altro lasciandosi guidare da una fantasia creativa che va aldilà di ciò che egli si aspetta e sa inventare modi sempre nuovi per dirgli: Ti amo; è un atteggiamento interiore capace di rinnovare anche la vita intima di due sposi, in quanto aiuta a vivere i gesti affettivi di sempre con una nuova generosità che libera dal logorio dell’abitudine e del tempo che passa. Occorre quindi riscoprire le novità del quotidiano, imparando a prevenire i desideri dell’altro in una donazione inaspettata e totalmente gratuita. In questo modo si può ritrovare anche un nuovo entusiasmo per realizzare insieme gli ideali condivisi. spaziofamiglia@cittanuova.it

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons