Alluvione in Emilia, come ci si rialza

Le comunità di Spazzate Sassatelli e di Conselice hanno fatto esperienza del disastro alluvionale lo scorso maggio, aiutate dal pronto intervento della protezione civile, dei vigili del fuoco, forze dell'ordine e del volontariato. Organizzato un concerto del gruppo musicale Gen Verde per portare un messaggio di speranza e di amore alla popolazione con un concerto fissato per il prossimo 26 novembre alle 16.30 a Conselice.
Coraggio
Foto LaPresse/Sara Sonnessa

Dopo il Covid e la guerra in Ucraina è la volta di due alluvioni in 15 giorni a maggio e un tornado a luglio, dopo una gelata devastante ad aprile tutto questo è il resoconto di un anno tremendo. Il 2 maggio il torrente Sillaro rompe gli argini e allaga l’abitato di Spazzate Sassatelli e parte del paese di Conselice.

Il 17 maggio oltre i torrenti Lamone e Senio rompe gli argini il Santerno, e ne consegue la rottura e tracimazione del canale di bonifica Destra Reno verso Conselice e il Sillaro. Gli ettari sommersi diventano 3.000 e si forma un lago di circa 8 km di diametro. Le acque profonde dai 40 ai 180 cm sono rimaste per 12 giorni e hanno creato un ambiente maleodorante e dannoso per la salute. Ogni arredo viene devastato come porte, finestre e pavimenti e tutto diventa un ammasso di rottami da mettere in strada.

Le aziende devono fare i conti con le proprie merci, materiale, elettronica, informatica, idraulica, in gran parte da buttare; inizia un lungo periodo di ripristino, fermando le attività produttive con danni immensi. Chi più, chi meno ha vissuto stati d’animo di paura, sconforto e rabbia; poi la voglia di ripartire ha dato uno scossone positivo per reagire al disastro. Per tanti la speranza è nata dal pronto intervento della protezione civile, dei vigili del fuoco, forze dell’ordine e del volontariato.

L’immediata attivazione di centri di ospitalità, di comuni di Conselice e Atgenta, con punti di ristoro servendo pasti caldi sono stati un provvidenziale primo intervento. Gli agricoltori, assieme ai vigili del fuoco sugli argini, hanno permesso il deflusso delle acque. A Conselice si è riunito un esercito di volontari provenienti da tutta Italia con ogni strumentazione necessaria. Superando le difficoltà burocratiche, sono stati gli artefici delle pulizie nelle case, smontando mobili e facendo traslochi, nelle fabbriche rimuovendo la merce deteriorata e le attrezzature inutilizzabili, nelle strade tenendo in ordine gli accumuli di mobili e arredi delle case.

Ancora una volta la Parrocchia di Conselice, nei momenti di difficoltà è stato un punto di riferimento per tutti. Poiché la canonica non è stata toccata dall’acqua, è diventato un punto di ristoro con pasti caldi, accoglienza per sfollati, un punto lavanderia e asciugatura per i conselicesi. Il parroco, visitando le case oltre a parole di conforto, ha creato un punto di riferimento per poter avere mobili ed elettrodomestici. Al palazzetto dello sport e alle scuole medie di Conselice si è creato un punto di accoglienza con dormitori e consegna di ogni genere alimentare, prodotti per la pulizia delle case. Col tempo, attraverso le donazioni, il palazzetto è stato un luogo di smistamento per mobili, materassi, arredi vari.

Ora chiediamo interventi veloci di ripristino e di miglioramento della difesa dai fenomeni alluvionali, soprattutto non si possono più commettere errori. Sono affissi alle case di Conselice, lenzuoli con la scritta “Presto che è tardi”; ciò per sollecitare tali interventi, preoccupati che le lentezze della burocrazia e della politica ci portino ad essere impreparati ad affrontare prossimi eventi, determinati da un clima più ostile al nostro ambiente.

———————————————————————————————————————————–

Per portare fiducia, speranza, consolazione e amore alle popolazioni alluvionate, la comunità ha organizzato un concerto del gruppo musicale internazionale del Movimento dei Focolari, Gen Verde. L’appuntamento è per domenica 26 novembre alle 16.30 al Palazzetto dello sport di Conselice. Ci sarà anche un incontro con testimonianze nella chiesa parrocchiale alle 10.30.

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

I più letti della settimana

Innamorati di Dio

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons