Aissa e il sogno di un mondo senza violenze

Vittima di abusi e costretta a un matrimonio forzato precoce, Aissa Doumara Ngatansou è diventata leader nella lotta per la difesa delle donne.
L'attivista camerunese Aissa Doumara Ngatansou riceve il premio Simone Veil, al Palazzo dell'Eliseo, a Parigi, venerdì 8 marzo 2019. (Foto AP/Thibault Camus, Pool)

«Sogno un mondo senza violenza in cui ragazze, donne, ragazzi e uomini possano vivere insieme nell’uguaglianza e nel rispetto reciproco. Un mondo in cui tutti possano esprimere il loro libero arbitrio senza essere repressi…». Furono queste le parole pronunciate da…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Tonino Bello, la guerra e noi

Perché i focolarini non votano

Diario di un viaggio in Congo

Il voto cattolico interessa

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons