CN+

Afghanistan, pochi diritti ma molto shisheh

La questione Afghanistan dopo l’abbandono degli occidentali è spesso compresa in modo riduttivo. Fondamentale il problema dei diritti umani non considerati, ma molto grave è anche la questione della droga (eroina e metanfetamine) che dall’Afghanistan, da sempre, dilaga su tutto il pianeta.

I contadini afghani lo chiamano oman, sul mercato della droga si chiama shisheh. Dopo una lavorazione non troppo difficile si ottengono quelle che in occidente sono conosciute come metanfetamine. In origine è un arbusto, l’efedra, che cresce nelle zone montuose…

QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI A CN+

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Al via il Città Nuova day

Finestre o muri

CNday: gli appuntamenti di oggi

Perdite, separazioni e lutti

la politica come amore copertina

La politica secondo Chiara Lubich

Simple Share Buttons