CN+

Acque minerali, profitti e bene pubblico

Perché è da ripensare il sistema delle concessioni a costi irrisori delle acque minerali alla gestione delle grandi società private. La spinta del referendum del 2011 e la questione dell’acqua come bene comune. L’ipotesi più sensata è che il comparto delle acque minerali sia gestito da aziende pubbliche e/o partecipate, ovvero che torni nelle mani della “res publica”
Acque minerali (AP Photo/Eckehard Schulz) ----Worker Eiline Buehner checks water bottles at the mineral water corporation Lichtenauer Mineralquellen GmbH in Lichtenau, eastern Germany, May 8, 2007. (AP Photo/Eckehard Schulz)

Acqua minerale. Tanta, benedetta e pure salata per le tasche dei cittadini. Ed è proprio così quando si affronta il tema in questione. Senza dubbio alcuno si tratta di una vera e propria industria, per meglio dire un comparto sempre…

QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI A CN+

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons