Nessuno proceda nella vita da solo

C’è spesso un distacco tra la formazione iniziale e il periodo successivo nel quale ciascuna e ciascuno procede troppo da solo. Per maturare, è indispensabile, invece, un adeguato accompagnamento durante la vita intera. Ma con quale dinamica? L’autrice, che è psicologa e psicoterapeuta, da molti anni impegnata nell’accompagnamento dei processi vocazionali, propone di promuovere una mentalità cooperativa e intersoggettiva. Occorre superare un’idea di formazione permanente e di accompagnamento che mette le persone in condizioni di soggetti sempre riceventi, far sì che tutti si sentano protagonisti, attivando tempi e spazi per prendersi cura della propria vocazione e di quella dell’altro. 

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

La forte fede degli atei

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons