Imparare gli uni dagli altri

Composto di 27 Chiese e denominazioni, il Consiglio ecumenico delle Chiese della Svezia è uno dei più rappresentativi. In una società altamente secolarizzata come quella svedese, dove ogni Chiesa è di per sé una minoranza, tutte si trovano nella stessa situazione. È forse per questo che si collabora bene e ci si aiuta tanto reciprocamente. Ce ne racconta Nausikaa Haupt, coordinatrice ecumenica della diocesi di Stoccolma (che comprende tutta la Svezia).

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Innamorati di Dio

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons