Un seme di speranza

Gli ambienti ecumenici ufficiali non riservano ai religiosi uno spazio e una funzione particolare, e tanto meno di rilievo, nel cammino verso l’unità. Molto significativa in proposito è un’iniziativa che porta la sigla Ciir: Congresso internazionale e interconfessionale dei religiosi. Dopo la pandemia si è svolto il 22° convegno a Nykoping (Svezia) nell’agosto scorso. Padre Conrad Sciberras ha potuto partecipare a questa esperienza spirituale ecumenica tra vari carismi.  

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Il sorriso di Chiara

Abbiamo a cuore la democrazia

Carlo Maria Viganò scismatico?

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons