Il mondo fatato di Anish Kapoor

A Firenze, a Palazzo Strozzi le sculture dell’artista dialogano con il Rinascimento.
Anish Kapoor - foto Palazzo Strozzi

È uno scultore, Anish Kapoor? Meglio, è un creatore, definizione che  gli si addice osservando le sue opere in mostra nel cortile e nel piano nobile del palazzo fiorentino. C’è materia come cera, vetro e plastica, c’è fantasia e leggerezza, gioco di specchi concavi che distorcono la realtà.  In Svayambhu (2007) – “ciò che è sorto da sé” -, un cubo materico di cera rossa, vernice verso una ferrovia è fantasia, violenza ed anche mistero. L’irreale infatti si trasforma con l’inverosimile anzi si mescola con esso, in una dimensione dove vero e falso si con-fondono: si entra in una dimensione di astrazione e di materia che ci sorprende, ci impaurisce, ci attira.

Nella seconda sala, Kapoor unisce spazi vuoti e pieni, superfici assorbenti e riflettenti, forme geometriche e biomorfe: è pittura scultura architettura,  è natura geometria fantasia.  Un mondo complesso ci viene svelato, tutto da scoprire. Come una colonna infinita che si alza verso un cielo inaccessibile in rosso vivo -Endless Column, 1992 – sfondando metaforicamente il soffitto della terza sala.

Si viaggia attraverso forme grandi, pastose, verniciate, specchi che deformano la realtà e invitano ad entravi in una dimensione a-storica senza paura, fino a quell’Angel (1990) in ardesia, grandi pietre aguzze di un blu così intenso da stordire: pezzi di cielo materico caduto fra noi e insieme lanciati verso l’universo.

Ma forse l’opera più ricca si trova nel cortile ed è il Void Pavilion VII del 2023 in tecnica mista e vernice: un padiglione in bianco e nero accecanti, con tre gradi forme rettangolari vuote in cui sentiamo di dover immergerci per meditare su spazio e tempo e sul vuoto che il visitatore prova andando oltre la paura di cadere in un pozzo vuoto per uscirne leggeri.

Autore materico assoluto, Kapoor chiude con una esperienza a suo modo assoluta di eternità che ha bisogno  di due elementi:  il silenzio e lo sguardo. Da non perdere.

Untrue Unreal. Fino al 4.2.2024

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons