Mondo

Migranti, violazione diritti umani sul confine tra Cile e Perù

Amnesty international denuncia la violazione dei diritti umani di centinaia di migranti bloccati dalla polizia sul confine tra Cile e Perù. Nota dei vescovi: «Di fronte agli scontri al confine, chiediamo ancora una volta che si cerchi un dialogo sincero tra tutte le parti coinvolte, affinché non siano le persone vulnerabili, le famiglie con bambini, gli anziani e le persone prive di risorse a pagare per decisioni che non sono state considerate nella loro interezza»  

A migrant is detained by Chilean Police as she blocked the highway on the Chile-Peru border, near Arica, Chile, Tuesday, May 2, 2023. A migration crisis at the border between Chile and Peru has intensified as migrants who claim the want to go home remained stranded, unable to enter Peru. (AP Photo/Agustin Mercado)

Associated Press/LaPresse
Only Italy and Spain
A migrant is detained by Chilean Police as he blocked the highway on the Chile-Peru border, near Arica, Chile, Tuesday, May 2, 2023. A migration crisis at the border between Chile and Peru has intensified as migrants who claim the want to go home remained stranded, unable to enter Peru. (AP Photo/Agustin Mercado)

Associated Press/LaPresse
Only Italy and Spain
A migrant is detained by Chilean Police as he blocked the highway on the Chile-Peru border, near Arica, Chile, Tuesday, May 2, 2023. A migration crisis at the border between Chile and Peru has intensified as migrants who claim the want to go home remained stranded, unable to enter Peru. (AP Photo/Agustin Mercado)

Associated Press/LaPresse
Only Italy and Spain
A migrant is detained by Chilean Police as he blocked the highway on the Chile-Peru border, near Arica, Chile, Tuesday, May 2, 2023. A migration crisis at the border between Chile and Peru has intensified as migrants who claim the want to go home remained stranded, unable to enter Peru. (AP Photo/Agustin Mercado)

Associated Press/LaPresse
Only Italy and Spain
Migrants who blocked the highway on the Chile-Peru border are dispersed by Chilean Police, near Arica, Chile, Tuesday, May 2, 2023. A migration crisis at the border between Chile and Peru has intensified as migrants who claim they want to go home remained stranded, unable to enter Peru. (AP Photo/Agustin Mercado)

Associated Press/LaPresse
Only Italy and Spain

Agensir riporta la posizione dei vescovi delle due diocesi di San Marcos de Arica (Cile) e Tacna e Moquegua (Perù), espressa con  una nota nella quale si rivolgono alle autorità e alla comunità in generale, a causa degli scontri avvenuti negli ultimi giorni tra migranti e forse di polizia di frontiera, che cercano di bloccare l’accesso irregolare di migranti in Cile.

«Siamo feriti dalla reazione dei connazionali che hanno assunto una posizione totalmente avversa nei confronti dello straniero. Siamo tutti d’accordo che il fenomeno migratorio debba essere regolato dalle autorità competenti, ma regolare non è sinonimo di proibire o considerare queste persone come un male per la società. Esprimiamo inoltre il nostro dolore e la nostra condanna per gli atti di violenza perpetrati da alcuni migranti, che hanno dato origine al rigetto da parte dei cittadini di coloro che sono costretti a cercare condizioni di vita migliori. Coloro che cercano di attraversare i confini dei nostri Paesi sono persone che cercano un luogo in cui avere opportunità di costruire una vita dignitosa. Sono già stati violati ed espulsi dalle loro rispettive nazioni. Per questo motivo riconosciamo e siamo grati per gli sforzi e i servizi che vengono svolti dalle autorità costituite e dalle istituzioni della società civile. Come Chiesa cattolica, non siamo presenti solo nei momenti di emergenza, ma giorno per giorno camminiamo con loro e cerchiamo di accoglierli e integrarli nella società».

Proseguono i vescovi: «Sappiamo che quanto sta accadendo al confine tra Perù e Cile è il risultato di decisioni politiche. Pertanto, è necessario un autentico e sincero esercizio di corresponsabilità da parte della comunità internazionale, delle autorità nazionali e regionali. Esprimiamo quindi con rispetto la nostra opinione che la decisione di militarizzare la frontiera o di dichiarare l’emergenza nella zona di accesso siano misure coercitive, che richiedono soluzioni più ponderate ed eque».

Guarda anche

Scenari globali
Gaza, attesa per il cessate il fuoco

Gaza, attesa per il cessate il fuoco

A cura di

I più visti della settimana

Scenari globali
Gaza, attesa per il cessate il fuoco

Gaza, attesa per il cessate il fuoco

A cura di
Scenari
Afghanistan fuori dal cono d’ombra

Afghanistan fuori dal cono d’ombra

A cura di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons