Mondo

Gaza, aiuti umanitari fermi sul valico di Rafah

la testimonianza della delegazioneitaliana di riroro dal confine egiziano con la Striscia di Gaza sotto assedio: «Noi abbiamo bisogno di aprire gli occhi - ha detto Tina Marinari di Amnesty Interational - e mostrare al mondo tutti i crimini che si stanno compiendo di fronte all’immobilismo internazionale. Abbiamo bisogno che un cessate il fuoco immediato e permanente venga garantito al più presto»

epaselect epa11214754 Palestinians walk past kiosks set up on a street on the first day of Ramadan, in Rafah, southern Gaza Strip, 11 March 2024. Most Muslims worldwide are expected to start observing Ramadan fasting and rites related to it on 11 March. The Muslims' holy month of Ramadan is the ninth month in the Islamic calendar and it is believed that the revelation of the first verse in the Koran was during its last 10 nights. It is celebrated yearly by praying during the night time and abstaining from eating, drinking, and sexual acts during the period between sunrise and sunset. It is also a time for socializing, mainly in the evening after breaking the fast and a shift of all activities to late in the day in most countries.  EPA/HAITHAM IMAD
epa11208490 Palestinians walk by as others inspect the area after an Israeli airstrike which hit Al-MasryTower (building background) in the Rafah refugee camp,  the southern Gaza Strip, 09 March 2024. More than 30,800 Palestinians and over 1,300 Israelis have been killed, according to the Palestinian Health Ministry and the Israel Defense Forces (IDF), since Hamas militants launched an attack against Israel from the Gaza Strip on 07 October 2023, and the Israeli operations in Gaza and the West Bank which followed it.  EPA/HAITHAM IMAD
epa11207281 Trucks carrying aid to Gaza residents cross from Rafah border to Deir Al Balah town, southern Gaza Strip, 08 March 2024. Since 07 October 2023, up to 1.9 million people, or more than 85 percent of the population, have been displaced throughout the Gaza Strip, some more than once, according to the United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA), which added that most civilians in Gaza are in 'desperate need of humanitarian assistance and protection'. The international community is combining efforts to increase humanitarian assistance to the residents of Gaza affected by the ongoing conflict.  EPA/MOHAMMED SABER
epa11203796 Internally displaced Palestinians hold empty bowls as they line up to receive food aid provided by a Palestinian youth group in the Rafah refugee camp, southern Gaza Strip, 07 March 2024. Since 07 October 2023, up to 1.9 million people, or more than 85 percent of the population, have been displaced throughout the Gaza Strip, some more than once, according to the United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA), which added that most civilians in Gaza are in 'desperate need of humanitarian assistance and protection'.  EPA/HAITHAM IMAD
epa11203795 Internally displaced Palestinians hold empty bowls as they line up to receive food aid provided by a Palestinian youth group in the Rafah refugee camp, southern Gaza Strip, 07 March 2024. Since 07 October 2023, up to 1.9 million people, or more than 85 percent of the population, have been displaced throughout the Gaza Strip, some more than once, according to the United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA), which added that most civilians in Gaza are in 'desperate need of humanitarian assistance and protection'.  EPA/HAITHAM IMAD
epa11203819 A Palestinian child sits next to jerry cans filled with water at a makeshift camp set up to host people arriving from northern gaza, in the Rafah refugee camp, southern Gaza Strip, 07 March 2024. Since 07 October 2023, up to 1.9 million people, or more than 85 percent of the population, have been displaced throughout the Gaza Strip, some more than once, according to the United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA), which added that most civilians in Gaza are in 'desperate need of humanitarian assistance and protection'.  EPA/HAITHAM IMAD
Il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza
Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli al valico di Rafah con una delegazione di Avs. Rafah 5 marzo 2024 ANSA/ ANGELO BONELLI
Il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza
Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli al valico di Rafah con una delegazione di Avs. Rafah 5 marzo 2024 ANSA/ ANGELO BONELLI
Le vittime della guerra. Sfollati nella Striscia di Gaza Ansa  EPA/MOHAMMED SABER

Tornata in Italia la delegazione italiana composta da operatori e operatrici umanitari, 15 parlamentari, 13, giornaliste e giornaliste, accademici ed esperte di diritto internazionale che si è recato in Egitto per raggiungere il valico di Rafah verso Gaza.

Come ha denunciato Paolo Pezzati di Oxfam, «sono almeno 1500 i camion carichi di aiuti umanitari bloccati al valico di Rafah, in Egitto, in attesa dell’autorizzazione dell’esercito israeliano a entrare nella Striscia di Gaza, dove milioni di persone a malapena riescono a mettere insieme un pasto al giorno».

Al ritorno la delegazione ha ribadito, in una lettera aperta alla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, che l’attacco militare israeliano «sta causando una catastrofe umanitaria senza precedenti, con Gaza Nord completamente isolata rispetto al resto del territorio. Al sud, nella città di Rafah, dove prima abitavano circa 280mila persone adesso ne sono stipate 1,6 milioni, esposti alle intemperie, con cibo e acqua razionati. Un bagno ogni 600 persone, quando lo standard nelle emergenze è un bagno ogni 20. La negazione della dignità umana e dei più basilari diritti fondamentali, a Gaza, è anche questo».

«Le chiediamo di programmare quanto prima una visita a Rafah – come ha già fatto all’inizio della crisi in Israele e Palestina – così da constatare direttamente la gravità della situazione. Le chiediamo anche di dare seguito all’indirizzo recentemente dato dal Parlamento all’Esecutivo per il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi. Affinché tali impegni si traducano in azioni concrete, le chiediamo di adoperarsi per garantire che l’azione e il voto del nostro Paese negli organismi internazionali a cominciare dalle Nazioni Unite siano coerenti con le indicazioni del Parlamento».

Oxfam ha lanciato un appello urgente al governo italiano e ai leader europei a cui si può aderire su: https://www.oxfamitalia.org/petizione-gaza/  per riaffermare che nessuna risposta umanitaria significativa potrà esserci senza un immediato cessate il fuoco.

 

Foto Ansa

 

Guarda anche

Popoli
Il Capodanno degli Aymara

Il Capodanno degli Aymara

di

I più visti della settimana

Popoli
Il Capodanno degli Aymara

Il Capodanno degli Aymara

di
Arte
India, una danza da record

India, una danza da record

di
Religioni
Oggi è il Ram Navami

Oggi è il Ram Navami

di
Mondo
Palestina, bandiera vietata

Palestina, bandiera vietata

di
Popoli
La rivolta dei Mapuche in Cile

La rivolta dei Mapuche in Cile

A cura di
Popoli
Capodanno andino

Capodanno andino

di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons