Impariamo a fare pace

Con l'esempio, le buone pratiche e un ambiente sereno, si può insegnare ai bambini a fare pace, a scusarsi, a ricominciare senza sentirsi umiliati o colpevolizzati. Se ne parla sul giornalino Big bambini in gamba di maggio.
Bambino chiede la pace con il cartello Stop war, Fermare la guerra, foto Foto di Fahim Shahriar da Pixabay.

La pace, la serenità, l’armonia, la cooperazione e la solidarietà reciproca all’interno dei contesti educativi (famiglia, scuola, parrocchia, realtà sportive e associative…) rappresentano un fattore protettivo e una determinante dello sviluppo e del benessere emotivo e relazionale dei bambini. Ciò non vuol dire negare la possibilità che possa esistere la conflittualità, ma invita noi adulti ad impegnarci attivamente nel costruire e promuovere contesti ed esperienze di crescita e apprendimento di qualità” per i nostri figli. Così inizia, nell‘inserto educatori del giornalino Big bambini in gamba di maggio, l’approfondimento dello psicologo e psicoterapeuta Mario Iasevoli.

Copertina giornalino Big Bambini in gamba di maggio 2024 – Facciamo pace.

Il tema del giornalino e degli approfondimenti per “adulti in gamba” è quello del fare la pace: nel numero precedente si parlava di come litigare bene, nel successivo di giugno – a cui sarà allegato lo speciale vacanze – si tratterà la comunicazione efficace: un modo per imparare ad ascoltare gli altri e ad esprimere bene il proprio pensiero, per evitare fraintendimenti e migliorare le relazioni e l’autostima.

Continua dunque l’approfondimento delle competenze per la vita, le cosiddette life skills, per i piccoli (e grandi) lettori del giornalino Big bambini in gamba. E se un ambiente sereno è la base per un sano sviluppo, si possono scoprire semplici tecniche per fare pace anche a scuola, come insegna la docente Patrizia Bertoncello, e a casa, come ricorda Marina Zornada, dell’Associazione Famiglie nuove del Friuli Venezia Giulia.

Sempre nell’inserto educatori, realizzato con il contributo della Fondazione Vincenzo Casillo, lo psicologo dell’età evolutiva Ezio Aceti parla, invece, dell’importanza della mamma per i figli. Una presenza necessaria anche per lo sviluppo emotivo e una crescita equilibrata.

E per i bambini? Come sempre attraverso fumetti, giochi e storie vere si approfondisce il tema, in questo caso come fare pace, grazie alle avventure della Big band, alle curiosità sugli animali simbolo di pace, alle storie vere, come quella delle mamme palestinesi ed israeliane che chiedono la pace in Terra Santa. E ancora, la mamma nell’arte e il brico per farle il regalo per la sua festa e tanto, tanto divertimento.

Per chi fosse interessato, è possibile abbonarsi nella pagina dedicata al giornalino Big bambini in gambanella sezione abbonamenti. Si può anche eseguire un versamento sul CCP n. 34452003 intestato a Città Nuova o fare un bonifico bancario intestato a P.A.M.O.M. – CITTÀ NUOVA, VIA PIEVE TORINA, 55 – 00156 ROMA BANCO BPM IBAN IT28D0503421900000000009185, specificando sempre nella causale: abb. a Big e inserendo i propri dati postali. Si può usare il Bonus docenti. Previsti sconti per abbonamenti multipli.

Per info: big@cittanuova.it, abbonamenti@cittanuova.it, 342-6266594.

_

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

_

 

I più letti della settimana

Tonino Bello, la guerra e noi

Il voto cattolico interessa

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons