Una vita che è un inno alla pace

L’amore tra Takashi e Midori dà la certezza che la speranza non muore mai, anche nella devastazione della guerra.
Un uomo è in piedi davanti alla cattedrale distrutta di Nagasaki. Foto: Archivio LaPresse

Agosto 1945. A distanza di pochi giorni due funghi nucleari si levano nel cielo giapponese. Ancora oggi si dice in Giappone: due sono state le bombe atomiche, ma a Hiroshima si grida, a Nagasaki si prega. Perché? Il motivo sono…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Omosessualità in famiglia

Gen Verde, la pace come bussola

I muscoli e la ragione

Simple Share Buttons