Ragazze a rischio

Ragazze a rischio Continua ad essere molto alta la percentuale di gravidanze non desiderate tra le adolescenti in Gran Bretagna. I risultati di una ricerca pubblicata sul British Medical Journal, condotta da Trevor Stammers della St. Georgeès Hospital Medical School di Londra, hanno evidenziato che non è la facile disponibilità dei contraccettivi la soluzione al problema. Che fa calare verticalmente il rischio di gravidanze precoci è l’appartenenza delle ragazze a famiglie con ambedue i genitori presenti in casa, rispetto ad altre situazioni familiari. Solo in questo contesto si cresce meno inclini ad avere esperienze sessuali precoci. E ciò indipendentemente da razza, età e condizione socioeconomica. Padri divorziati Nasce la prima casa di accoglienza per padri divorziati. L’iniziativa, finora unica in Italia, spiega il presidente dell’Asdi (Associazione per l’assistenza a divorziati e separati) E. Cirimbelli, ha lo scopo di “offrire una soluzione provvisoria a chi si è diviso ed è in una situazione di emergenza abitativa. Infatti garantire una situazione temporanea e dignitosa al padre che si deve allontanare da casa è necessario per permettere una continuità di relazione con i figli, assicurando soprattutto a loro il diritto di vivere il rapporto col padre all’interno di un appartamento “. Inoltre, la formazione di un “Grup- po padri separati” aiuterà queste persone a raggiungere l’obiettivo di “avere pari responsabilità e dignità nell’essere genitori e nella possibilità di stare coi figli, anche se questi in genere vengono affidati alla madre”. Colf indispensabili? Secondo l’Eurispes, che ha pubblicato un rapporto sulle collaboratrici domestiche, quelle regolarmente iscritte sono quasi 230 mila, ma quattro su cinque sono irregolari. Nella crisi di trasformazione della famiglia moderna, le colf rivestono un ruolo sempre più importante. Coniugi che lavorano entrambi, coppie anziane e sole… Spesso le colf colmano il vuoto di rapporti familiari precari o l’assenza di servizi pubblici. Intanto è nata la prima società di fornitura di lavoro temporaneo specializzata nell’offerta di servizi alla famiglia. Scopo: selezionare e formare il personale domestico. Famiglie on line Un gruppo di 30 famiglie, da 30 diverse città d’Italia, dopo un corso di pastorale famigliare vissuto a Rocca di Papa, partecipa ad un singolare corso di formazione a distanza on line via internet, organizzato dal servizio informatico della Cei. Si tratta di appuntamenti in video conferenza con possibilità di interventi in chat o posta elettronica. Durante il primo di essi i docenti hanno risposto a numerose domande sui testi di studio, che hanno per argomento la teologia nuziale e la morale matrimoniale. Per informazioni: ufficio Cei 06- 66398279.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons