Prjaniki, dolci russi del Natale

Origini e ricetta dei biscottini speziati che in Russia vengono tradizionalmente preparati e donati per Natale
Prjaniki
Prjaniki con la tipica decorazione in rilievo (Foto: WikiCommons)

I prjaniki sono dolci preparati con un impasto a base di latte condensato o marmellata di frutta, talvolta con l’aggiunta di uva passa, miele e noci. Ogni dolce, che è una sorta di biscotto, viene poi decorato con un disegno in rilievo sulla superficie, successivamente ricoperta da una glassa di zucchero che gli conferisce un aspetto lucido.

I prjaniki vengono prodotti in molte località della Russia ma i più famosi sono quelli della città di Tula, tanto da diventarne il simbolo, sebbene le origini di tali dolci risalgano al XIII secolo, quando in Europa Occidentale era tradizione preparare i prjaniki per regalarli in occasione del Natale. Allora, i prjaniki erano prodotti a base di miele, limone, mandorle e spezie, ricoperti da una glassa di zucchero. Solamente nel XVI secolo, nel periodo delle grandi scoperte geografiche, i prjaniki fecero la loro comparsa in Russia.

Solo nel 1685 ci sono i primi riferimenti ai prjaniki di Tula. A quel tempo, per contrastare la povertà, chi poteva stabiliva delle attività di artigianato e di commercio; i produttori di prjaniki gareggiavano per chi realizzasse prjaniki più gustosi e dalle decorazioni più belle, raffiguranti luoghi d’interesse di Tula, disegni di feste ed eventi, frasi di auguri e altri elementi della cultura popolare russa. Tali decorazioni erano possibili grazie a specifici stampi di legno sui quali venivano incisi dei disegni speculari, stampi diversi da pasticciere a pasticciere. I prjaniki venivano preparati anche per eventi speciali come compleanni, matrimoni, feste di capodanno, ecc.

Nella ricetta proposta viene ovviamente omessa la creazione del disegno con gli stampi. In alternativa, è possibile decorare i biscotti con glassa all’acqua o cospargerli di zucchero a velo.

 

Ingredienti:

Prjaniki russi tradizionali di Tula. Foto: Wikimedia Commons

250 g di farina 0

100 g di miele

50 g di burro

100 g di zucchero

1 uovo

1 cucchiaino di lievito per dolci

1 cucchiaino di zenzero in polvere

1 cucchiaino di cannella

2 cucchiaini di cacao amaro

scorza grattugiata di 1 limone

 

Tempo di preparazione

1 ora (più alcune ore di lievitazione)

 

Procedimento:

Sciogliere a bagnomaria il burro nel miele. Disporre in un recipiente gli ingredienti secchi: la farina, lo zucchero, il lievito, le spezie, il cacao e la scorza grattugiata del limone. Formare un incavo nel centro; quindi aggiungere il miele con il burro e l’uovo. Mescolare brevemente il tutto con un cucchiaio e, successivamente, con le mani. Una volta ottenuto un impasto omogeneo, formare una palla, coprirla con la pellicola e lasciarla riposare in frigorifero per alcune ore.

Dopo che l’impasto ha riposato, staccarne dei pezzi di circa 25-30 grammi, formare delle palline e appiattirle leggermente. Infine, disporre le palline su una teglia con carta forno. Cuocere per circa 15 minuti a 180°C in forno preriscaldato statico. Una volta sfornati, lasciare raffreddare i biscotti. Decorare i biscotti con glassa all’acqua o semplicemente spolverizzarli con zucchero a velo.

__

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it
_

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Esercizi di… radicamento

Beato Livatino

Il giudice ragazzino “vive” ancora

Simple Share Buttons