Società

La leggerezza di Sanremo e la vita di ogni giorno

Inizia il 6 febbraio il Festival della canzone italiana. Una sorta di tregua collettiva di una storia che parla delnostro Paese

Italian band The Kolors pose during a photocall on the occasion of the 74th Sanremo Italian Song Festival, in Sanremo, Italy, 06 February 2024. The music festival will run from 06 to 10 February 2024.  
ANSA/ETTORE FERRARI
Italian singer Dargen DÕAmico arrives on the green carpet during an event held at the eve of the 74th Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 05 February 2024. The festival runs from 06 to 10 February 2024. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Italian singer Maninni arrives on the green carpet during an event held at the eve of the 74th Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 05 February 2024. The festival runs from 06 to 10 February 2024. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Italian singer Geolier arrives on the green carpet during an event held at the eve of the 74th Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 05 February 2024. The festival runs from 06 to 10 February 2024. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Italian singer Emma arrives on the green carpet during an event held on the eve of the 74th edition of the Sanremo Italian Song Festival, in Sanremo, Italy, 05 February 2024. The music festival will run from 06 to 10 February 2024.   ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Italian singers Fred De Palma (L) and Alessandra Amoroso arrive on the green carpet during an event held on the eve of the 74th edition of the Sanremo Italian Song Festival, in Sanremo, Italy, 05 February 2024. The music festival will run from 06 to 10 February 2024.   ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Italian band Negroamaro members arrive on the green carpet during an event held on the eve of the 74th edition of the Sanremo Italian Song Festival, in Sanremo, Italy, 05 February 2024. The music festival will run from 06 to 10 February 2024.   ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Il direttore dell'Intrattenimento di Prime time Rai, Marcello Ciannamea (D), e  l'assessore al Turismo del comune di Sanremo, Silvana Ormea, durante l'esposizione organizzata dalla Rai per raccontare i 74 anni del Festival ''Il Festival si mostra'' presso il Forte Santa Tecla a Sanremo, 05 febbraio 2024.   ANSA/ETTORE FERRARI
Alcuni proprietari dei trattori nel punto di ritrovo di via Nomentana, Roma, 5 febbraio 2024.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Sanremo Festival host and artistic director Amadeus (L) with Italian showman Rosario Fiorello (R) during a press conference at the 74th Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 05 February 2024. The festival runs from 06 to 10 February 2024. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Sanremo Festival host and artistic director Amadeus (L) with Italian showman Rosario Fiorello (C) and Alberto Biancheri (R), mayor of Sanremo, during a press conference at the 74th Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 05 February 2024. The festival runs from 06 to 10 February 2024. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Sanremo Festival host and artistic director Amadeus (C) with CEO of Rai Pubblicita', Gian Paolo Tagliavia (L), and President of Rai Pubblicita', Maurizio Fattaccio (R) pose during a photocall on the occasion of the 74th Sanremo Italian Song Festival, in Sanremo, Italy, 05 February 2024. The music festival will run from 06 to 10 February 2024. ANSA/ETTORE FERRARI

Diceva lo scrittore napoletano Ermanno Rea che gli italiani di oggi hanno smesso di cantare in pubblico, come avveniva, invece, fino agli anni più recenti tra le classi popolari. Sta di fatto che lo stereotipo dell’italiano con pizza e mandolino è scomparso ma il festival della canzone italiana di Sanremo resta un evento nazionalpopolare, anche tra i giovanissimi che magari non lo vedono in Tv ma lo seguono sui social in modi creativi e ironici.

Per la Rai si conferma, comunque, una manna per l’indice di ascolto fino all’ora tarda e tutto il sistema dell’informazione, o gran parte, concorre a farne una sorta di tregua nell’agenda delle notizie tristi, tanto che anche nell’edizione del 1967 lo spettacolo andò avanti anche dopo il discusso suicido del cantautore Luigi Tenco. I sospetti sulle trame dell’industria discografica sono rimasti ancora in vita, ma è proprio “la città dei fiori”,  poco più di 50 mila abitanti di una temperata località balneare, ad attirare storie e ricostruzioni più o meno fondate.

Centro di interesse internazionale anche per la predilezione della nobiltà e borghesia russa che veniva in riviera a curare la tubercolosi. Ancora da Sanremo parte, o almeno partiva fino a qualche anno addietro, un treno diretto a Mosca. È qui che nella mitica piazza Rossa del post regime sovietico si sono adunate folle oceaniche per osannare i concerti di Al Bano, Toto Cotugno o i Ricchi e Poveri.

La prima edizione del Festival canoro è datata 1951 ma risale al 1932 la prima esibizione di canti napoletani nelle sale del Casinò che ospiterà l’evento artistico fino al 1976. Il palazzo liberty dell’azzardo dei ceti abbienti fu eretto agli inizi del 900 vicino ad una chiesa francescana e proprio sul terreno confiscato ai frati dalla leggi unitarie.

La canzone, quindi, associata ad uno spazio esclusivo, magico, separato dalla realtà. Anche quando la vita ordinaria della gente ha cercato di rompere questo cerchio magico del palco, trasferito poi al teatro Ariston, non ha avuto la forza di ribaltarne il meccanismo consolidato. Qualcuno si ricorderà lo spazio offerto, anni addietro, ad alcuni operai della Fiat di Termini Imerese destinati ad essere licenziati, con l’allora ministro Scaloja che prometteva interventi della politica e un Bersani ( per rispetto della par condicio) che non riusciva a dissimulare l’amarezza per un destino già segnato. Riusciranno quest’anno a fare breccia i trattori degli agricoltori che occupano mezza Europa?

La “gente” , si dice, ha bisogno di leggerezza, di sognare, di lenire la fatica quotidiana parlando di altro, sapendo bene, però, che questa tregua dura poco, come è avvenuto nell’edizione del 2020 con il Covid alle porte e la dichiarazione di pandemia che fu proclamata poco dopo la chiusura dell’edizione di Fiorello.

Con la fine della clausura imposta per sicurezza, assistiamo ad una voglia di eventi collettivi, concerti che costano un occhio della testa ma riempiono gli stadi. E i volti giovani e anziani di cantanti e tutto il mondo della società dello spettacolo che calcano le strade di Sanremo nel paesaggio delle luminarie, come una ritualità ancestrale che si ripete.

Senza voler essere “pesanti”, indagando sulla condizione umana con uno sguardo che resta vigile sulla realtà, si può trovare anche lo spazio per vedere “The Idol”, un film del 2015 che racconta di un concorso canoro vinto da un ragazzo palestinese che arriva da Gaza. La stessa voglia di cantare con l’emozione che raggiunge le corde più profonde dell’animo, come sapeva bene quel popolo raccontato da Ermanno Rea e che, forse, non è del tutto scomparso.

Foto Ansa

 

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

Guarda anche

Esteri
Un pasto di solidarietà

Un pasto di solidarietà

di
Giornata internazionale della donna
È l’8 marzo in tutto il mondo

È l’8 marzo in tutto il mondo

di
Sguardi
Roma, la vera bellezza

Roma, la vera bellezza

A cura di
Tradizioni
Ein Prosit!

Ein Prosit!

di

I più visti della settimana

Emergenze sociali
Chi si ricorda dei detenuti?

Chi si ricorda dei detenuti?

di
Società
La festa dei 20 anni in Giappone

La festa dei 20 anni in Giappone

di
Società
A casa di Augusto e Livia

A casa di Augusto e Livia

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons